Sondaggio
Qual è il tuo operatore principale di telefonia mobile?
Tim
Vodafone
Tre
Wind
Un operatore virtuale (Carrefour, PosteMobile, ecc.)
Utilizzo più Sim
Non ho il cellulare... ma non mi crede nessuno

Mostra i risultati (3352 voti)
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Tutti gli Arretrati

Il Pentagono a Google: togliete quelle mappe

L'esercito americano è preoccupato dalla presenza in Google Maps di fotografie delle sue installazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2008]

Google ha rimosso delle foto su ordine del Pentago
Il Golden Gate Bridge di San Francisco visto con Street View

Sin dalla sua introduzione, la possibilità offerta da Google Maps di mostrare immagini via satellite ha reso nervosi quanti si preoccupano per la privacy e ancora di più i militari, i quali temevano che in tal modo fossero esposte a chiunque informazioni sulle basi dell'esercito e sulle installazioni sensibili.

Negli Stati Uniti, poi, Google ha lanciato un nuovo servizio legato alle mappe: si chiama Street View (Vista stradale in italiano) e permette di avere una panoramica virtuale a 360 gradi delle strade di 30 città americane prescelte.

Questo ha inquietato ancora di più l'esercito americano: Street View "mostra dove ci sono le guardie, mostra come le barriere salgono e scendono, mostra come entrare e uscire dagli edifici. Credo che rappresenti un rischio reale per la sicurezza delle nostre installazioni", ha detto il generale Gene Renuart.

Così, il Pentagono ha chiesto a Google di rimuovere alcune immagini ritenute pericolose per la sicurezza interna, e Google ha eseguito: la policy stilata dall'azienda di Mountain View, infatti, prevede la rimozioni delle fotografie problematiche da questo punto di vista.

Tuttavia l'esercito non è ancora soddisfatto: preferirebbe essere consultato prima che le immagini venissero messe online. D'altra parte Google fa gentilmente notare che le foto vengono prese dalla pubblica via, quindi non ci sono gli estremi legali per un'ingiunzione: i militari già dovrebbero ringraziare per tanta disponibilità.

Nell'attesa di una soluzione migliore, l'esercito degli Stati Uniti sta setacciando i database di Google per cercare le fotografie che vorrebbe vedere eliminate, per poi chiedere a Mountain View di rimuoverle, per il bene della nazione.

Chi volesse provare la Vista Stradale può scegliere una tra le 30 città americane da Google Maps o guardarsi il video realizzato da Google stessa per il lancio del servizio, che riportiamo qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics