Il Pentagono a Google: togliete quelle mappe

L'esercito americano è preoccupato dalla presenza in Google Maps di fotografie delle sue installazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2008]

Google ha rimosso delle foto su ordine del Pentago
Il Golden Gate Bridge di San Francisco visto con Street View

Sin dalla sua introduzione, la possibilità offerta da Google Maps di mostrare immagini via satellite ha reso nervosi quanti si preoccupano per la privacy e ancora di più i militari, i quali temevano che in tal modo fossero esposte a chiunque informazioni sulle basi dell'esercito e sulle installazioni sensibili.

Negli Stati Uniti, poi, Google ha lanciato un nuovo servizio legato alle mappe: si chiama Street View (Vista stradale in italiano) e permette di avere una panoramica virtuale a 360 gradi delle strade di 30 città americane prescelte.

Questo ha inquietato ancora di più l'esercito americano: Street View "mostra dove ci sono le guardie, mostra come le barriere salgono e scendono, mostra come entrare e uscire dagli edifici. Credo che rappresenti un rischio reale per la sicurezza delle nostre installazioni", ha detto il generale Gene Renuart.

Così, il Pentagono ha chiesto a Google di rimuovere alcune immagini ritenute pericolose per la sicurezza interna, e Google ha eseguito: la policy stilata dall'azienda di Mountain View, infatti, prevede la rimozioni delle fotografie problematiche da questo punto di vista.

Tuttavia l'esercito non è ancora soddisfatto: preferirebbe essere consultato prima che le immagini venissero messe online. D'altra parte Google fa gentilmente notare che le foto vengono prese dalla pubblica via, quindi non ci sono gli estremi legali per un'ingiunzione: i militari già dovrebbero ringraziare per tanta disponibilità.

Nell'attesa di una soluzione migliore, l'esercito degli Stati Uniti sta setacciando i database di Google per cercare le fotografie che vorrebbe vedere eliminate, per poi chiedere a Mountain View di rimuoverle, per il bene della nazione.

Chi volesse provare la Vista Stradale può scegliere una tra le 30 città americane da Google Maps o guardarsi il video realizzato da Google stessa per il lancio del servizio, che riportiamo qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (882 voti)
Maggio 2017
Il bug di Ntfs che manda in crash Windows
Il malware che si nasconde nei sottotitoli
Usare il Wi-Fi per vedere attraverso i muri
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
Blue Whale, mito di morte pericolosamente gonfiato
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Tutti gli Arretrati


web metrics