Microsoft: "Bill Gates straparla"

Windows 7 non uscirà prima del 2010, assicurano da Redmond, qualunque cosa abbia detto zio Bill.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2008]

Microsoft: Bill Gates straparla, Windows 7 2010
Immagine royalty free

Prima sembra che Vista debba andarsene in pensione prima del previsto, considerata l'accoglienza tiepidina che ha ricevuto; poi Windows 7 viene dato per certo per il 2010.

Poi arriva Bill Gates il quale, vuoi perché tanto sta per lasciare la prima linea, vuoi perché si è lasciato scappare qualcosa diretto agli sviluppatori e non al grande pubblico, annuncia l'arrivo del successore di Vista per l'anno prossimo.

Ora Microsoft corregge il suo stesso signore e padrone: Windows 7 farà la sua comparsa tre anni dopo la distribuzione di Windows Vista al grande pubblico, vale a dire non prima del 30 gennaio 2010.

La spiegazione è quindi proprio che Bill Gates, parlando del 2009, si stava riferendo alle versioni di test che - è ovvio - usciranno prima di quella definitiva (sebbene ci sia chi dice che anche le edizioni etichettate come definitive siano in realtà delle "beta", per il numero di bug che contengono). In fondo zio Bill aveva detto: "l'anno prossimo o giù di lì". Cioè l'anno successivo.

Intanto, sembra sempre più intelligente la mossa di tenere in vita Windows Xp fino all'anno cruciale, visto che ai ritardi di Microsoft siamo un po' tutti abituati, e forse per questo l'annuncio di un anticipo aveva fatto sobbalzare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

nessun problema a tenere xp fino al 2010.. tra l'altro è stata prolungata la vendita di xp fino al 2010 se non erro ! :shock: segno premonitore?
25-4-2008 18:48

{ice}
solo marketing dietro queste dichiarazioni Leggi tutto
9-4-2008 11:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (3832 voti)
Maggio 2016
Ragioni per usare la modalità aereo quando non sei in aereo
Il ''Service Pack 2'' di Windows 7
TeslaCrypt, arriva la chiave di sblocco universale
Red Ronnie e la Sindrome delle Due Campane
CryptXXX torna a colpire e non c'è antidoto che tenga
Metroweb, Enel e Telecom: come ricomprare ciò che era tuo
CEO di BioViva si inietta virus e si allunga vita di 20 anni
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
L'asciugamani ad aria è un ricettacolo di virus
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Tutti gli Arretrati


web metrics