Redditi on line, le contraddizioni del Garante

Le motivazioni che hanno spinto il Garante della privacy a sospendere la pubblicazioni sul sito dell'Agenzia delle Entrate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2008]

In molti si chiedono quali siano le motivazioni che hanno spinto il Garante della privacy a sospendere, dopo poche ore, il servizio che rendeva accessibili a tutti sul sito dell'Agenzia delle Entrate i redditi del 2005 degli italiani.

L'Agenzia delle Entrate, effettivamente, non ha ritenuto di informare né di porre un quesito sulla questione al Garante per la privacy. Secondo l'Agenzia delle Entrate, la questione era già pacifica e risolta: le dichiarazioni dei redditi dagli anni '70 sono liberalmente consultabili presso i Comuni di residenza dei contribuenti o presso la stessa Agenzia delle Entrate, in virtù di una normativa che obbliga l'amministrazione finanziaria a rendere disponibili questi dati "su richiesta", ma, attenzione, non stabilisce un obbligo di approntare un servizio on line o meno.

E' altrettanto vero che molti ricorsi, presentati negli anni da cittadini seccati perché i giornali, andando a spulciare gli elenchi, avevano pubblicato i loro redditi, erano sempre stati respinti dal Garante. L'Autorità aveva giudicato prevalenti sul diritto alla privacy le esigenze di trasparenza, per l'amministrazione fiscale e per lo stesso mondo degli operatori economici.

Oggi il Garante sembra contraddirsi, tanto è vero che molti organi di stampa hanno voluto contrapporre l'opinione favorevole del precedente presidente Rodotà all'attuale Pizzetti.

In realtà, il Garante ritiene che il tipo di messa on line dei dati sulle dichiarazioni dei redditi non rispettasse la normativa che prevede che tali dati possano essere consultati liberamente solo per un anno (come dire nel 2008 quelli del 2005, nel 2009 quelli del 2006 e così via) mentre, si sa, su Internet questi dati rischiano di rimanere per sempre.

Il Garante inoltre pone per la prima volta l'esigenza della sicurezza dei contribuenti, tema molto più sentito oggi che in passato. Per Pizzetti un sito che permetta l'accesso ai dati, ma con una registrazione dell'utente che consenta di identificare chi accede a questi dati, potrebbe garantire questa esigenza di sicurezza.

Ora la palla passa al nuovo governo, dove c'è chi ritiene che la trasparenza sia un'esigenza sempre attuale, come ha affermato l'economista di Forza Italia Renato Brunetta, e chi invece vorrebbe cancellare addirittura anche gli elenchi cartacei consultabili nei Comuni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 205)

{G.}
Secondo me, chi non vuole che i dati personali riferiti alle proprie denunce di redditi, e che non vengono pubblicati, perchè hanno qualche cosa o tante cose da nascondere. Essendo io un ex lavoratore dipendente adesso un pensionato, non mi vergogno far sapere quello che guadagno e far si che quando vedranno, direbbero "Ma come fa a... Leggi tutto
13-8-2011 14:14

second me e` vero
14-5-2008 14:40

{utente anonimo}
Leggo su una mailing list che in questo documento (Tutto il Fisco con un clic) alla pagina 25 c'è la frase: ----------------------------------------------------------------- È importante ricordare che i dati personali presenti negli archivi dell'Agenzia delle Entrate sono protetti per tutelarne la riservatezza e, inoltre, la... Leggi tutto
8-5-2008 15:54

sono onesto: sono andato a cercare la mia provincia (lucca), la curiosità ha preso ovviamente anche me... ho solo trovato il file simpatico che recita: "un c hai un c... da fare eh!?" :lol: quindi risultato zero. penso che questo tipo susciti sia incoraggiamenti per il suo operato sia maledizioni da parte di qualcuno, ma... Leggi tutto
7-5-2008 20:13

{Matteo}
Petizione Rivogliamo i redditi online! Leggi tutto
7-5-2008 14:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (1444 voti)
Febbraio 2016
Aiuto, un virus ha preso in ostaggio i miei dati e vuole soldi per ridarmeli
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Dicembre 2015
I migliori prodotti hi-tech del 2015
Tutti gli Arretrati


web metrics