Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi pių pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual č il pių pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (1498 voti)
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Debutta Windows 10, che fare?
Le app vampiro che fanno morire la batteria all'insaputa dell'utente
Google Maps ricorda tutti i posti dove sei stato
Mentos e Coca-Cola, lo spiegone scientifico
Windows 10, c'è già la data di morte
Aggiornamento d'emergenza per tutte le versioni di Windows
Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!
Sbloccare un programma che non risponde
A cosa serve realmente la rimozione sicura dei dispositivi?
WikiLeaks pubblica un milione di mail di Hacking Team
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Tutti gli Arretrati

Videosorveglianza per spiare scollature e fondoschiena delle passanti

Il proliferare di videocamere di sicurezza espone al rischio che questi strumenti vengano usati in malafede: per esempio per registrare le immagini di un'ignara e avvenente passante.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2008]

Spiavano le passanti con le webcam di sicurezza
Foto via Fotolia

"Immagini care per qualche istante / sarete presto una folla distante / scavalcate da un ricordo più vicino" cantava Fabrizio De André qualche tempo fa, nel brano Le Passanti. Altri tempi, in cui l'immagine di una donna che passava si poteva perdere ben presto nella memoria: ora, invece, ci sono le telecamere di sicurezza ad assicurare che nemmeno un dettaglio vada perduto.

Lo scenario è, naturalmente, inglese: una terra dove la telecamera accompagna davvero ogni momento della giornata, dai viaggi in aereo alla spesa al negozio all'angolo al bagno della scuola.

Con una miriade di telecamere in funzione ci si culla nell'illusione di essere più sicuri o forse lo si è davvero: con occhi dappertutto è più facile prendere un criminale, chi non ha nulla da nascondere - si usa dire - non dovrà temere di essere ripreso e pazienza per la privacy. Però esistono gli errori: per esempio un comune cittadino può essere scambiato per un malvivente. Oppure, come già sapevano gli antichi, c'è la possibilità che i custodi non lavorino sempre in buona fede.

Che cosa pensare, infatti, dei poliziotti di Worcester, trovati in possesso di 20 minuti di riprese che poco avevano a che fare con la protezione da criminali e terroristi ma che invece mostravano la scollatura e il fondoschiena di un'ignara donna che passeggiava per strada?

Quella donna, probabilmente, non saprà mai di essere stata osservata così attentamente da coloro che avrebbero avuto il compito di preservare l'ordine pubblico e per questo usare i mezzi a loro disposizione; quanto ai poliziotti per così dire distratti, un richiamo è sembrato essere sufficiente perché poi tornassero al proprio posto di lavoro con la promessa di non farlo più.

Per non parlare del consiglio cittadino di Poole, nel Dorset, che usava le telecamere di sorveglianza e le attrezzature pensate per la lotta al terrorismo (istituite dalla legge nota come Regulation of Investigatory Powers Act) per controllare se una candidata alla scuola locale e i suoi genitori abitassero davvero dove affermavano di vivere. Per qualcuno forse era un gioco, durato tre settimane, in cui recitare la parte dell'agente segreto e prendere annotazioni del tipo "la donna e i tre bambini entrano nel veicolo bersaglio e partono".

Gli aneddoti, tristi o divertenti a seconda del punto di vista, potrebbero poi continuare con il caso di Middlesbrough, dove le telecamere sono dotate di altoparlanti per poter far sussultare i trasgressori nel momento stesso in cui commettono un reato e impedire che facciano qualche sciocchezza di cui in seguito potrebbero pentirsi amaramente, come buttare le cartacce per terra.

Se tutto questo per ora avviene nel Regno Unito, dove la videosorveglianza continua viene fatta passare per normale e forse anche indispensabile, sembra che altrove il percorso non sia poi tanto diverso, solo un po' più lento. Ma gli abusi, gli errori, la malafede anche di uno solo fanno pensare che forse questo non sia il metodo migliore per fermare i criminali, quanto per spiare (e, nel peggiore degli scenari, chissà che altro) i cittadini innocenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Risarcimento record a ragazzina spiata su Facebook dalla scuola

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{utente anonimo}
non c'è più rispetto..... Leggi tutto
14-4-2009 15:46

appunto. :wink: Leggi tutto
23-7-2008 12:39

{Osvaldo}
Francamente mi sembrano preoccupazioni eccessive Leggi tutto
21-7-2008 13:10

Come accenna l'articolo, un conto e' rifarsi gli occhi lungo la strada, un altro utilizzare le telecamere per fare i guardoni, salvarsi i filmati e magari passarseli fra colleghi. Il fatto che simili cose vengano fatte da funzionari pubblici e' aggravato dal fatto che mentre si trastullano a fare i guardoni, non fanno il lavoro per cui... Leggi tutto
1-7-2008 19:09

Come non citare ancora una volta Benjamin Franklin? Leggi tutto
1-7-2008 18:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics