YouTube preciso al secondo

Come linkare un video a un istante preciso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-11-2008]

Link precisi al secondo
Link precisi al secondo

YouTube è senza dubbio la piattaforma più nota e usata, di riferimento per chiunque voglia condividere un videom, anche se questo può non significare che sia anche la piattaforma più completa da un punto di vista delle funzionalità offerte agli utenti.

Probabilmente in questo senso lavorano alcune feature recenti proposte da Mountain View come la possibilità (ancora in versione beta) di caricare video sino a 1 Gbyte, con il fine di garantire una maggiore qualità dei video condivisi.

Una recente piccola implementazione offre la possibilità di linkare in maniera precisissima i video presenti, indicandone anche l'istante di partenza. Infatti, semplicemente aggiungendo alla fine del link la stringa #t=1m03s dove m ed s indicano rispettivamente i minuti e i secondi, si avrà diretto accesso al preciso istante voluto di un filmato.

Ecco un semplice esempio che vi porterà al tempo 1 minuto e 03 secondi dall'inizio del trailer di Zeus, il Signore dell'Olimpo, un vecchio gioco per Pc.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

leggo solo ora ma molto utile ugualmente!!! :D anche xè talvolta quando si dice a una persona "guarda al minuto 4.32" a quest ultima è impossibile farlo, perchè il flash non permette di selezionare completamente la barra di progressione ma solo alcuni determinati punti (quindi soltanto approssimazioni di minuti) oltrechè... Leggi tutto
23-11-2008 23:23

:D Non ho parole per ringraziarti abbastanza di questa dritta! Fantastico! Thanks!! :wink:
7-11-2008 08:57

Vabbeh interessante... ma è inutile aumentare la capacità di upload a ben 1 GB se poi comunque la qualità dei video fa schifo (e ne so qualcosa, le ho tentate tutte, perfino di uploadare un file in AVI DV... risultati obbrobriosi!) :cry: :cry: :cry:
4-11-2008 18:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1279 voti)
Dicembre 2016
Aiuto, il mio Android è in bianco e nero!
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Novembre 2016
Il display coi pixel di grafene
Android, malware in Google Play scaricato un milione di volte
Secondo Apple la malattia del touch è colpa degli utenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata
Tim ci riprova con l'operatore mobile low cost
La GdF sequestra 152 siti di streaming: l'elenco completo
BSA "beccata" a usare software pirata
La stampante che intercetta i cellulari
Il tetto solare invisibile
Ottobre 2016
Come dirottare qualsiasi drone in volo
Antibufala: trovata la soluzione al Triangolo delle Bermude
Il Pc con Linux e Wi-Fi, micro anche nel prezzo: 4 euro
Tutti gli Arretrati


web metrics