Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (854 voti)
Maggio 2015
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Tutti gli Arretrati

La Repubblica delle intercettazioni

Infuriano in Italia le polemiche sulle intercettazioni, sulla loro legittimità, sull'uso che ne viene fatto, sui rischi che corre la libertà di ognuno di noi. Un rapido sguardo sull'argomento nel momento odierno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2002]

Infuriano in Italia in questi giorni le polemiche sulle intercettazioni, sull'uso che ne viene fatto e sulla loro legittimità: vediamo che cosa sta succedendo.

Innanzitutto dobbiamo registrare una autorevole presa di posizione della Corte di Cassazione: secondo la Suprema Corte i controlli effettuati dalla polizia giudiziaria attraverso sistemi di rilevazione satellitari, come il Gps, non ricadono tra i casi di intercettazione telefonica, ambientale (microspie, etc.) e informatica che, secondo il Codice di Procedura Penale, devono essere autorizzati dalla magistratura. La legge che regolamenta le intercettazioni è nata, infatti, prima dell'avvento di queste tecnologie e quindi ci sarebbe un vuoto legislativo, che speriamo il Parlamento colmi presto, e che potrebbe favorire abusi e pesanti violazioni della privacy dei cittadini.

Le intercettazioni telefoniche sono, sempre, al centro delle cronache giudiziarie e politiche, che spesso si intrecciano: l'ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga rassegna le dimissioni, in modo irrevocabile, da Senatore a vita (vedremo come va a finire) e attacca in modo pesante l'attuale Capo dello Stato Ciampi perché, all'interno di un'inchiesta giudiziaria su fatti di corruzione, sarebbero state registrate conversazioni private tra Cossiga ed alcune persone accusate di corruzione.

La polemica vede il Presidente della Camera Pier Ferdinando Casini intervenire, riconoscendo le ragioni del disagio di Cossiga, contro i magistrati che registrerebbero conversazioni di parlamentari: questo intervento ha suscitato un ampio consenso, tra le forze politiche di maggioranza ed opposizione, perché si modifichi la legge, che proibisce le intercettazioni su linee telefoniche di parlamentari, andando a vietare i controlli su comunicazioni telefoniche, anche di altri soggetti, quando sono rivolte a parlamentari.

Non si può non rilevare che il Cossiga, che oggi grida allo scandalo per l'attentato alla libertà dei parlamentari, è lo stesso Cossiga che si è sempre vantato di aver fondato l'organizzazione segreta Gladio e ne ha sempre difeso l'attività, fatta anche di intercettazioni telefoniche non autorizzate, su parlamentari di governo e di opposizione, giustificata con le esigenze della guerra fredda e del pericolo proveniente dai Paesi dell'Est.

Non sono solo le preoccupazioni del mondo della politica a toccare il fenomeno delle intercettazioni: vengono messi sotto controllo, sempre più spesso, i telefoni di giornalisti, dalla Repubblica al Giornale, e questo ha suscitato le proteste del sindacato nazionale dei giornalisti, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Il rovescio della medaglia sono state le intercettazioni a rivelarsi utilissime per "incastrare" il figlio di Totò Riina, così come quelle dell'inchiesta sul contrabbando di sigarette, in cui sarebbe implicato il Presidente della Repubblica del Montenegro.

La legge Frattini che permette ai servizi segreti di effettuare intercettazioni senza autorizzazioni non è stata ancora approvata ma, come si può notare, le cose sono già abbastanza complicate così.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

nessuno
la verità Leggi tutto
17-9-2004 15:09


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics