La Repubblica delle intercettazioni

Infuriano in Italia le polemiche sulle intercettazioni, sulla loro legittimità, sull'uso che ne viene fatto, sui rischi che corre la libertà di ognuno di noi. Un rapido sguardo sull'argomento nel momento odierno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2002]

Infuriano in Italia in questi giorni le polemiche sulle intercettazioni, sull'uso che ne viene fatto e sulla loro legittimità: vediamo che cosa sta succedendo.

Innanzitutto dobbiamo registrare una autorevole presa di posizione della Corte di Cassazione: secondo la Suprema Corte i controlli effettuati dalla polizia giudiziaria attraverso sistemi di rilevazione satellitari, come il Gps, non ricadono tra i casi di intercettazione telefonica, ambientale (microspie, etc.) e informatica che, secondo il Codice di Procedura Penale, devono essere autorizzati dalla magistratura. La legge che regolamenta le intercettazioni è nata, infatti, prima dell'avvento di queste tecnologie e quindi ci sarebbe un vuoto legislativo, che speriamo il Parlamento colmi presto, e che potrebbe favorire abusi e pesanti violazioni della privacy dei cittadini.

Le intercettazioni telefoniche sono, sempre, al centro delle cronache giudiziarie e politiche, che spesso si intrecciano: l'ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga rassegna le dimissioni, in modo irrevocabile, da Senatore a vita (vedremo come va a finire) e attacca in modo pesante l'attuale Capo dello Stato Ciampi perché, all'interno di un'inchiesta giudiziaria su fatti di corruzione, sarebbero state registrate conversazioni private tra Cossiga ed alcune persone accusate di corruzione.

La polemica vede il Presidente della Camera Pier Ferdinando Casini intervenire, riconoscendo le ragioni del disagio di Cossiga, contro i magistrati che registrerebbero conversazioni di parlamentari: questo intervento ha suscitato un ampio consenso, tra le forze politiche di maggioranza ed opposizione, perché si modifichi la legge, che proibisce le intercettazioni su linee telefoniche di parlamentari, andando a vietare i controlli su comunicazioni telefoniche, anche di altri soggetti, quando sono rivolte a parlamentari.

Non si può non rilevare che il Cossiga, che oggi grida allo scandalo per l'attentato alla libertà dei parlamentari, è lo stesso Cossiga che si è sempre vantato di aver fondato l'organizzazione segreta Gladio e ne ha sempre difeso l'attività, fatta anche di intercettazioni telefoniche non autorizzate, su parlamentari di governo e di opposizione, giustificata con le esigenze della guerra fredda e del pericolo proveniente dai Paesi dell'Est.

Non sono solo le preoccupazioni del mondo della politica a toccare il fenomeno delle intercettazioni: vengono messi sotto controllo, sempre più spesso, i telefoni di giornalisti, dalla Repubblica al Giornale, e questo ha suscitato le proteste del sindacato nazionale dei giornalisti, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Il rovescio della medaglia sono state le intercettazioni a rivelarsi utilissime per "incastrare" il figlio di Totò Riina, così come quelle dell'inchiesta sul contrabbando di sigarette, in cui sarebbe implicato il Presidente della Repubblica del Montenegro.

La legge Frattini che permette ai servizi segreti di effettuare intercettazioni senza autorizzazioni non è stata ancora approvata ma, come si può notare, le cose sono già abbastanza complicate così.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

nessuno
la verità Leggi tutto
17-9-2004 15:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1242 voti)
Gennaio 2017
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Il governo si prepara a entrare in Telecom Italia
Arrestato per aver venduto set-top box con Kodi
iPhone 8, lo schermo sarà curvo e di plastica
KickassTorrents è tornato, e stavolta è quello vero
L'aggiornamento di Windows 10 che blocca Internet
Nokia ritorna con due cellulari a basso costo
UE: i set-top box con Kodi sono illegali
Aiuto, il mio Android è in bianco e nero!
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Tutti gli Arretrati


web metrics