Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (854 voti)
Maggio 2015
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Tutti gli Arretrati

BlackBerry, lento ritorno alla normalità

RIM ha individuato la causa del problema e ora deve smaltire i messaggi arretrati di 70 milioni di utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-10-2011]

BlackBerry RIM ritorno normalità EMEA

Al terzo giorno, i servizi BlackBerry stanno tornando alla normalità per i 70 milioni di utenti interessati dal blocco dei giorni scorsi.

L'ultimo comunicato rilasciato da RIM sostiene che «Dalla 6 am BST di oggi tutti i servizi in Europa, Medio Oriente e Africa, così come quelli in India, hanno iniziato a funzionare presentando miglioramenti significativi. Continuiamo a monitorare la situazione 24x7 per assicurarci una stabilità ininterrotta. Grazie per la pazienza».

Le cose starebbero insomma tornando alla normalità e, questa volta, in modo definitivo, anche perché RIM sostiene di aver scoperto le cause.

Tutti i problemi sarebbero nati in seguito a un malfunzionamento nello switch core dei server Europei, verificatosi lunedì; ciò avrebbe portato a pesanti rallentamenti nella consegna dei messaggi che a sua volta avrebbe causato un accumulo sempre più grande di messaggi arretrati, sino al blocco del sistema.

La buona notizia è che tutti i dati sono comunque presenti sui server di RIM e, non appena l'infrastruttura tornerà operativa al 100%, raggiungeranno i propri destinatari.

Se da un lato ciò può rassicurare gli utenti di BlackBerry - non c'è stata alcuna violazione dei server, come a un certo punto si era temuto - dall'altro non riuscirà a rimediare completamente al danno d'immagine subito dall'azienda canadese, che già deve affrontare i problemi derivanti dalla concorrenza.

L'avanzata degli smartphone sembra aver posto fine al periodo d'oro dei BlackBerry e RIM non naviga in ottime acque: le voci di una imminente ristrutturazione interna e la contestuale adozione di una nuova strategia avevano fatto salire il titolo in Borsa, ma i problemi successivi hanno azzerato l'aumento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics