Installazione e configurazione

In prova: iTwin (2)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-02-2012]

itwin
Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita.

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
In prova: iTwin.

Innanzitutto occorre inserire iTwin, nella forma completa (ossia con le due metà agganciata tra loro), in uno dei due computer prescelti: il sistema operativo avvierà il programma contenuto nella chiavetta, scaricando eventuali aggiornamenti dalla Rete, installando il software e facendo partire la configurazione.

L'installazione prende pochi secondi e la configurazione si risolve in due sole schermate: la prima è quella che richiede di inserire un nome per identificare quella che sarà la connessione tra le due metà di iTwin; nella seconda bisogna invece inserire un indirizzo email al quale verrà spedito il codice di disattivazione, il cui uso diventerà chiaro più avanti.

Completati questi semplici passaggi, apparirà una finestra di Esplora Risorse (se si sta usando Windows) o del Finder (sotto Mac OS X) in cui trascinare i file locali che si vogliono condividere: nulla verrà fisicamente copiato, ma l'operazione permetterà a iTwin di identificare quali file potranno essere visti dal computer remoto.

A questo punto è possibile staccare la metà di iTwin da inserire nell'altro computer: anche qui occorrerà installare il software, ma non ci sarà alcuna configurazione da fare. Attraverso la connessione a Internet, infatti, questa metà si collegherà all'altra, mostrando in una finestra i file remoti che sarà possibile copiare, cancellare o aprire proprio come se risiedessero sul disco rigido locale.

itwin installazione

Una preoccupazione legittima che a questo punto potrebbe venire in mente è quella che riguarda la sicurezza dei dati trasmessi via Internet, ma la VPN di iTwin è protetta con la crittografia AES-256, che impedisce la lettura dei dati anche a chi dovesse riuscire a intercettarli.

Inoltre, per maggiore sicurezza, è possibile decidere di impostare una password da inserire quando si stabilisce la connessione tra le due metà: in tal modo un furto o uno smarrimento non rischiano di diventare troppo pericolosi.

Sondaggio
Qual è il prodotto che più ti attira tra questi?
Un lettore di ebook
Uno smartphone di ultima generazione
Un tablet o pad
Un navigatore satellitare
Un lettore Mp3 e/o video (portatile o da salotto)

Mostra i risultati (4236 voti)
Leggi i commenti (4)

Le operazioni che si possono compiere sui file remoti - l'abbiamo già detto - sono le stesse che si possono eseguire su quelli locali, ma bisogna tenere presente una caratteristica importante: la velocità delle connessioni a Internet dei due PC sono il limite cui questa soluzione (come ogni VPN) deve sottostare.

Non si può pensare, per esempio, di riprodurre in streaming un filmato in alta definizione a meno che non si possegga una connessione decisamente sopra la media.

Rispetto alle soluzioni basate sui drive portatili o sul cloud compunting, iTwin impone inoltre il rispetto di un'altra ovvia ma vitale regola: entrambi i computer devono essere accesi e connessi a Internet, perché si possa accedere ai dati.

Inoltre, durante le prove, abbiamo notato che se per qualche motivo uno dei due computer si riavvia, la connessione va persa come è lecito aspettarsi; ciò che è più importante è tuttavia il fatto che essa non si ripristina in automatico: occorre togliere e reinserire la chiavetta.

Al di là di queste limitazioni, che sono ovvie e rappresentano tutto sommato un piccolo prezzo da pagare per la possibilità offerta, di iTwin segnaliamo l'estrema semplicità d'uso e l'efficienza: si possono gestire i propri file quasi dimenticando dove si trovano, e in più sono disponibili anche altre funzioni avanzate.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Software aggiornabile e desktop remoto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Ciao! In primo luogo ti ringrazio per i complimenti. La risposta è POSITIVA. Tra le tante funzionalità di iTwin vi è proprio quella di potere decidere in totale autonomia e senza limitazioni cosa e quanto fare vedere agli utenti remoti. Puoi anche impostare delle limitazioni alle proprietà dei file ad esempio per renderli NON Editabili.
3-3-2012 20:38

{marco}
Bellissima idea, fino ad ora aggiornavo i miei clienti con i programmi che creo, inserendoli nei loro server e li avevano sempre aggiornati. Chiedo nel caso abbia una trentina di clienti, posso sul mio server inserire tante chiavette quanti clienti e ad ogni uno fare vedere solo una parte dei lavori(directory)e disabilitare completamente... Leggi tutto
3-3-2012 11:24

Grazie per il complimento! Nel frattempo ti ricordo che puoi utilizzare iTwin mettendo il computer in stand by e mettendolo in blocco. iTwin gestisce a livello software questa modalità. Entro la fine di Aprile attendetevi importanti ulteriori novità ;-) Ciao!
25-2-2012 14:24

Mi sembra un ottima soluzione che, quando sarà disponibile l'accessorio per accendere e spegnere il computer remoto, diventerà perfetta. Il prezzo mi sembra tutto sommato ragionevole per le caratteristiche offerte.
25-2-2012 14:17

Ciao! Come già specificato nel mio commento sopra entro l'estate immetteremo sul mercato un accessorio per iTwin, acquistabile separatamente e compatibile con gli attuali iTwin in commercio, che renderà possibile accedere e spegnere un computer remoto. Sottolineo ancora come iTwin è in grado di garantire un livello di protezione e... Leggi tutto
24-2-2012 17:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1129 voti)
Settembre 2016
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Tutti gli Arretrati


web metrics