Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (1137 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

Google, multa simbolica per Street View

L'azienda avrebbe ostacolato le indagini sui dati personali raccolti dalle reti Wi-Fi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-04-2012]

google street view multa simbolica

La vicenda dei dati provenienti dalle reti Wi-Fi private e catturati da Google Street View, iniziata nel 2010, vede finalmente la conclusione.

Dopo circa due anni di indagini, l'americana FCC ha dichiarato chiuso il caso, decidendo di non considerare colpevole l'azienda di Mountain View ma comminandole una multa simbolica: 25.000 dollari.

La Commissione statunitense ha deciso di credere alla versione di Google, secondo la quale i dati intercettati - nomi delle reti, indirizzi MAC, posizioni - sono stati raccolti per sbaglio a causa di un errore nel software presente nelle apparecchiature delle GoogleCar.

La multa, certamente irrisoria, serve soltanto a far sì che nei verbali rimanga traccia della scarsa collaborazione fornita dall'azienda alle indagini, almeno secondo quanto sostiene la Commissione.

Questa sostiene infatti che Google avrebbe posto varie difficoltà di fronte ai tentativi di ottenere maggiori dettagli sull'accaduto, rifiutando anche di aiutare a individuare i responsabili dell'errore.

Sondaggio
Le proteste che hanno spinto Google a sospendere Street View in alcuni Paesi...
sono giuste: occorrono limiti più seri per salvaguardare la privacy.
sono ingiuste: Street View non danneggia affatto la privacy.

Mostra i risultati (2176 voti)
Leggi i commenti

«Abbiamo lavorato in buona fede con la FCC per tutta la durata delle indagini» ha dichiarato invece un portavoce di Google.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)


Gladiator
Mi trovo d'accrodo anch'io, se si rileva qualcosa di penalmente perseguibile la sanzione comminata deve essere proporzianata al reato diversmente, se c'è assoluzione, non comprendo la sanzione. :?
22-4-2012 14:20


Zievatron
Concordo
17-4-2012 02:05


ioSOLOio
Trovo sempre discutibili queste situazioni.... se per davvero non vi è stata collaborazione, occorreva allora da subito esercitare pressioni...o multe sostanziose Se invece ciò non sussiste, per quanto simbolica e dunque irrilevante, non vedo la sensatezza della multa..
16-4-2012 16:37

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics