Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (412 voti)
Settembre 2015
Il minireattore a fusione del MIT
Da LinkedIn 9 consigli per chi inizia un nuovo lavoro
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Tutti gli Arretrati

Google, multa simbolica per Street View

L'azienda avrebbe ostacolato le indagini sui dati personali raccolti dalle reti Wi-Fi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-04-2012]

google street view multa simbolica

La vicenda dei dati provenienti dalle reti Wi-Fi private e catturati da Google Street View, iniziata nel 2010, vede finalmente la conclusione.

Dopo circa due anni di indagini, l'americana FCC ha dichiarato chiuso il caso, decidendo di non considerare colpevole l'azienda di Mountain View ma comminandole una multa simbolica: 25.000 dollari.

La Commissione statunitense ha deciso di credere alla versione di Google, secondo la quale i dati intercettati - nomi delle reti, indirizzi MAC, posizioni - sono stati raccolti per sbaglio a causa di un errore nel software presente nelle apparecchiature delle GoogleCar.

La multa, certamente irrisoria, serve soltanto a far sì che nei verbali rimanga traccia della scarsa collaborazione fornita dall'azienda alle indagini, almeno secondo quanto sostiene la Commissione.

Questa sostiene infatti che Google avrebbe posto varie difficoltà di fronte ai tentativi di ottenere maggiori dettagli sull'accaduto, rifiutando anche di aiutare a individuare i responsabili dell'errore.

Sondaggio
Le proteste che hanno spinto Google a sospendere Street View in alcuni Paesi...
sono giuste: occorrono limiti più seri per salvaguardare la privacy.
sono ingiuste: Street View non danneggia affatto la privacy.

Mostra i risultati (2251 voti)
Leggi i commenti (7)

«Abbiamo lavorato in buona fede con la FCC per tutta la durata delle indagini» ha dichiarato invece un portavoce di Google.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Mi trovo d'accrodo anch'io, se si rileva qualcosa di penalmente perseguibile la sanzione comminata deve essere proporzianata al reato diversmente, se c'è assoluzione, non comprendo la sanzione. :?
22-4-2012 14:20

Concordo
17-4-2012 02:05

Trovo sempre discutibili queste situazioni.... se per davvero non vi è stata collaborazione, occorreva allora da subito esercitare pressioni...o multe sostanziose Se invece ciò non sussiste, per quanto simbolica e dunque irrilevante, non vedo la sensatezza della multa..
16-4-2012 16:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics