Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lý a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo per˛ approv˛ il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiut˛ il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (832 voti)
Luglio 2014
Mega oscurato in Italia, ecco come accedere
La super fibra ottica è disordinata e made in Italy
Attacchi DDoS in aumento, cosa fare per difendersi
Sat-Fi trasforma lo smartphone in satellitare
Ma chi sono i terroristi?
Il ginecologo che fotografava le donne nude
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
Tutti gli Arretrati

Ti ha lasciato? Riconquistala con Chrome

Non tutto è perduto: per riconquistare la donna della propria vita basta un uso sapiente del web, o così sostiene Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-05-2012]

riconquistala fabio stussi

A chi non è mai capitato di venire lasciato dalla propria ragazza, solo per poi passare il tempo a rimuginare su quello che è andato storto?

Chi non ha mai pensato a mettere in piedi una strategia per riconquistare la donna dei propri sogni proprio quando tutto sembrava ormai perduto?

A quanto pare, le strade sono due: dare retta a Fabio Stussi e al suo libro Riconquistala! o utilizzare Google Chrome. Dipende dal grado di disperazione.

Se per la prima alternativa c'è un sito che può soddisfare ogni curiosità, per la seconda c'è uno spot realizzato, naturalmente, da Google.

Non è la prima volta che il colosso di Mountain View prova a fare leva sulle emozioni per mostrare quali meraviglie si possano realizzare con il web e i prodotti marchiati con la grande G.

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (10367 voti)
Leggi i commenti (36)

Questa volta seguiamo la storia di Mark Potter che, dopo essere stato lasciato da Jen, prova a ricucire il rapporto inviando all'amata un'email e un allegato - realizzato chiaramente con Google Docs - in cui riunisce tutti i momenti belli e fa ammenda per le proprie colpe. L'articolo continua dopo il video.

Non sappiamo se Mark sia riuscito a riconquistare Jen. Di certo Google è riuscita a far parlare del proprio spot - in onda sulla TV statunitense - che peraltro ha certamente un merito: riesce a parlare di tecnologia evitando la tecnologia stessa ma concentrandosi su quanto essa può fare per gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (2)


linguist
dagda ha scritto Beh! In tutti i casi citati abbiamo un via di uscita: per la tv gli altri tasti del telecomando o in definitiva il tasto rosso di spegnimento, per il pc basta evitare di andare sul sito in questione. In fondo il mondo Ŕ gremito di beoti, lasciamo che cuociano nel loro brodo. :eh?: Leggi tutto
4-5-2012 12:46


dagda
certo! non bastavano Maria de Filippi e Antonella Clerici a "scassare i cabasisi" (come direbbe Camilleri) ... ci mancava anche Google! :shock:
4-5-2012 11:52

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics