Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1048 voti)
Novembre 2014
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Tutti gli Arretrati

Cifrare le telefonate con Phil Zimmermann, l'autore di PGP

Silent Circle rende le telefonate dallo smartphone impossibili da decifrare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-06-2012]

Phil Zimmermann silent circle pgp

Dopo aver reso semplice la crittografia delle email con Pretty Good Privacy (il celeberrimo PGP), Phil Zimmerman ora tenta di fare lo stesso con le telefonate.

Zimmermann ha infatti fondato un'azienda, la Silent Circle, che a breve lancerà un'app (inizialmente in beta, a settembre in versione definitiva) per iOS e Android in grado di crittografare le chiamate.

A differenza di PGP, rilasciato a suo tempo come software libero, l'app di Silent Circle sarà a pagamento e costerà 20 dollari al mese: Zimmermann è convinto che chi tiene alla riservatezza delle proprie conversazioni non si lascerà spaventare dal costo.

«Non ho intenzione di scusarmi per il costo» ha dichiarato il crittografo. «Non siamo Facebook. I nostri clienti sono veri clienti. Non sono prodotti. Non fanno parte del magazzino» ha aggiunto, lasciando intendere ciò che pensa circa l'uso dei dati personali appartenenti agli utenti del social network.

Il creatore di PGP punta a conquistare innanzitutto «quei mercati che hanno una necessità speciale. Per esempio i soldati all'estero che vogliono parlare con i propri familiari».

Sondaggio
Cosa ne pensi della richiesta di Berlusconi e del Pdl di mettere un freno alle intercettazioni?
E' sacrosanta! Voglio poter parlare liberamente al telefono! - 8.7%
Si abusa di questo strumento di indagine. Bisognerebbe limitarne l'uso e limitare i costi che ne derivano. - 14.4%
Non faccio nulla di male, per cui non me ne può fregare di meno. - 7.4%
Stanno solo cercando di coprire le loro malefatte. Le intercettazioni devono restare disponibili nella "toolbox" degli investigatori. - 25.9%
Sono dei farabutti. Dovrebbe essere tolta loro ogni copertura e dovrebbero essere costretti ad agire alla luce del sole! Altro che bavaglio e privacy! - 43.6%
  Voti totali: 6901
 
Leggi i commenti (19)

Per rendere sicure le comunicazioni, l'app di Silent Circle utilizza il protocollo ZRTP; se entrambi gli interlocutori usano il software, l'intera comunicazione è crittografata. Altrimenti, se soltanto uno dei due sta usando il software, sarà crittografata solo verso i server di Silent Circle.

Dopo il debutto delle app per smartphone sarà la volta delle applicazioni per Windows e Mac: non ci sono tuttavia ancora piani precisi per il rilascio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (5)

dany88
e che differenza c'è tra questo e far passare un qualsiasi voip in una vpn criptata.
16-6-2012 16:19


carloef
se non ricordo male lo stesso protocollo viene usato per le comunicazioni voip in zfone.. avevo letto qualcosa in merito tempo fa e il progetto mi pareva interessante
15-6-2012 23:39


Zeus
Phil Zimmermann non è il tipico filogovernativo. Se ci saranno i sorgenti liberamente consultabili, come nel caso di PGP, qualsiasi dubbio di questo genere verrà spazzato via.
15-6-2012 22:58

cojossi
Se il governo americano permette un prodotto simile significa che la cia ha in mano una back door.
15-6-2012 21:57

ott0disk
mah era meglio se avessero fatto un estensione per il protocollo skype, è P2P e ormai largamente diffuso sarebbe bastato un aggiornamento ai client e tutto filava liscio....
15-6-2012 21:22

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics