Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (1332 voti)
Agosto 2015
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Fusione Wind e 3, diventa primo gestore in Italia (ma russo-cinese)
Windows 10: come aggiornare il PC senza aspettare
Catturare una regione dello schermo
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Tutti gli Arretrati

Fondatori Pirate Bay si appellano a Corte Europea Diritti dell'Uomo

Le attività della Baia sarebbero protette dalla Convenzione sui diritti dell'uomo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-06-2012]

Fredrik Neij e Peter Sunde

Fredrik Neij, uno dei fondatori di The Pirate Bay, l'aveva già preannunciato: per evitare la condanna inflittagli dalla Corte Suprema Svedese si sarebbe rivolto alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

Ora anche Peter Sunde, un altro dei fondatori, ha deciso di seguire l'esempio dell'amico, e insieme hanno deciso di compiere il passo.

«In sostanza» - spiega Sunde - «stiamo ripetendo quello che abbiamo già detto nel processo circa il fatto che la direttiva sul commercio elettronico è la base che rende legale TPB».

Jonas Nilsson, avvocato di Neij, spiega ulteriormente: l'articolo 10 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo garantisce la libertà di ricevere e diffondere informazioni.

The Pirate Bay non avrebbe fatto altro che usufruire di questo diritto: i server hanno trasferito informazioni non proprietarie (i file .torrent) tra gli utenti, usando un procedimento automatico, attraverso Internet.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5797 voti)
Leggi i commenti (10)

Peter Sunde si dice ottimista sull'eventuale pronunciamento della Corte, poiché lo stesso articolo sarebbe stato adoperato in altri casi analoghi.

«Sono ottimista, ma ci vorranno 4 o 5 anni prima che il caso venga discusso, se decideranno di accoglierlo» ha dichiarato ancora Sunde.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fondatore di Pirate Bay rilasciato stamattina
Strasburgo conferma la condanna a The Pirate Bay

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics