Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3052 voti)
Marzo 2015
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Tutti gli Arretrati

Furto di password da Yahoo! ma non solo

Sottratte 453mila password. Yahoo! la più colpita, coinvolte anche Gmail e Hotmail.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-07-2012]

password
Foto via Fotolia

Nei giorni scorsi, diverse società sono finite sotto attacco di pirati informatici che hanno sottratto fino a 453 mila dati di login.

La più colpita è stata Yahoo! che si è vista sottrarre 400.000 account e che ha ammesso il furto, annunciando di aver aperto un'indagine sulla falla di sicurezza che lo ha permesso.

Secondo quanto riportato dai media americani, le password sarebbero riferite al login di Yahoo! Voice, un servizio alternativo al più noto Skype. Le password erano però conservate su alcuni file in chiaro, comportando nel caso un aggravio di responsabilità per la società.

Ma Yahoo! non sarebbe l'unica vittima eccellente: sarebbero infatti state sottratte password anche di Aol, di Hotmail di Microsoft e quelle del servizio Gmail di Google, per citare alcuni dei nomi più rilevanti.

Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (3470 voti)
Leggi i commenti (108)

L'azione sarebbe stata rivendicata dagli hacker di D33D Company: la loro sarebbe stata solo un'azione dimostrativa, effettuata per sottolineare ancora una volta la vulnerabilità dei sistemi utilizzati per gestire i dati di login di centinaia di migliaia di utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)


freemind
Ottima segnalazione cisco, grazie!
16-7-2012 17:59


cisco
Andando su questo sito: link si può interrogare il database che contiene gli indirizzi email Yahoo violati. Io ho provato con alcuni dei miei; non avendo usato Yahoo Voice, i miei sono ok. Sarebbe auspicabile che questo genere di tool fossero gli stessi Yahoo, Gmail ecc. a metterli a disposizione! :evil: Il sito sembra essere ok e in... Leggi tutto
16-7-2012 16:44


interceptor
Ma che ca77o!! Uno si inventa e memorizza la.pasword sicura con lettere mischiate a numeri maiuscole e caratteri speciali... e me la fottono così?!? Voglio.i danni!!!
16-7-2012 12:15


freemind
utontello, non è una cattiva idea.
16-7-2012 11:56

utontello
Ma io, devo cambiare tutte le mie paroline? :shock:
16-7-2012 10:57


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics