Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1026 voti)
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Tutti gli Arretrati

Italiano vince Premio Turing, il ''Nobel dell'informatica''

Il premio a Silvio Micali, autore di studi fondamentali sulla crittografia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-03-2013]

silvio micali
Silvio Micali (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

È italiano uno dei due vincitori del Premio Turing, colloquialmente indicato come il Nobel dell'informatica.

Quest'anno, il premio è andato infatti a Silvio Micali e a Shafi Goldwasser, entrambi docenti del MIT, per il lavoro che hanno condotto nel campo della crittografia. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (1564 voti)
Leggi i commenti (10)
Micali ha 58 anni, si è laureato in matematica all'università La Sapienza di Roma e si è quindi trasferito in America, a Berkeley, per il dottorato, nel 1983.

Nel 1993 ha ottenuto il Premio Gödel (anche questo insieme a Shafi Goldwasser, e ad altri) per lo sviluppo di un sistema crittografico interattivo.

«Sono onorato di questo riconoscimento e grato alla comunità informatica» ha dichiarato Micali.

Limor Fix, direttore dello University Collaborative Research Group presso gli Intel Labs, ha spiegato: «Il lavoro di Goldwasser e Micali ha espanso il campo della crittografia oltre le preoccupazioni circa la segretezza. Le loro innovazioni hanno portato a tecniche per verificare l'integrità dei messaggi e l'identità di mittente e destinatario, oltre alle firme digitali usate per la distribuzione del software, le transazioni finanziarie e altri casi in cui è importante individuare falsificazioni e alterazioni. Hanno dato un contributo incalcolabile alla nostra capacità di comunicare e commerciare via Internet».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
The Imitation Game, la vita di Alan Turing diventa un film
Stephen Hawking: grazia postuma per Alan Turing
I segreti della crittografia
I cento anni di Alan Turing
Cifrare le telefonate con Phil Zimmermann, l'autore di PGP

Commenti all'articolo (4)


Gladiator
Dont'worry! Abbiamo la soluzione in tasca! Presto il motto sarà "qui non studi e qui non lavori" semplice e geniale! :blackhumour: Leggi tutto
17-3-2013 18:02

Haldamir
nel nostro caso, sarebbe più corretto dire: "qui studi e qui NON lavori".
15-3-2013 13:15


Gummy Bear
La malattia consiste nello studiare qui e poi nello sfruttare all'estero le risorse qui sfruttate. Evidentemente per gl'italgoliardi converrebbe una soluzione tuttora praticata nelle repubbliche ex soviet e cioè "qui studi e qui lavori".
15-3-2013 10:09

Roberto1960
... Laureato alla Sapienza di Roma e poi trasferito in America ... Mi pare di averlo già visto questo film, o sbaglio? :cry:
14-3-2013 20:05


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics