Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Gli editori europei: l'Antitrust multi Google

I produttori di contenuti accusano il motore di abuso di posizione dominante e pretendono un'azione decisa dall'Europa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2013]

google editori posizione dominante antitrust multa

È da diverso tempo che Google si trova sotto l'occhio dell'Antitrust europeo a causa del suo motore di ricerca.

Da mesi, infatti, gli editori europei - riuniti nello European Publishers Council (EPC) - accusano il gigante americano di avvantaggiare i propri prodotti quando si tratta di presentare agli utenti i risultati delle ricerche.

L'accusa non è nuova: è stata formulata anche in America, ribadita in Francia e sostenuta ogni volta che viene lanciato un nuovo servizio, come accaduto per esempio con Google Flights. Senza dimenticare l'annosa vicenda di Google News, accusato di sfruttare il lavoro dei produttori di contenuti.

Per cercare di arginare l'ondata di accuse ed evitare, qualora l'Antitrust decidesse di dar loro seguito, una sanzione molto salata, in aprile, Google aveva avanzato alcune proposte tese a portare maggiore equità nel modo di mostrare i risultati.

La proposta consisteva soprattutto in un sistema di etichette finalizzate a differenziare le varie offerte e rendere visibili quelle legate all'ecosistema di Google stessa, ma anche un sistema di opt in per quegli editori che non desiderino comparire tra i risultati.

Dopo alcuni mesi di riflessione, gli editori europei - tra cui anche l'italiana FIEG - hanno fatto sapere ufficialmente che a loro dire la proposta di Google è inaccettabile: differenziare in quel modo i risultati, anziché avvantaggiare la concorrenza, finirebbe con il distruggerla e danneggerebbe le società concorrenti perché farebbe spiccare gli annunci legati alla Grande G.

L'EPC ha quindi chiesto all'Unione Europea di procedere con la procedura di infrazione e prendere provvedimenti affinché tutti i contenuti del web siano indicizzati in modo imparziale e ugualmente presentati.

Sondaggio
Utilizzi i motori di ricerca soprattutto per approfondire quello che hai...
... letto sui social network
... sentito alla radio
... ricevuto sul cellulare (Sms/Mms)
... letto su giornali o riviste
... visto in Tv
... visto per strada
... passaparola

Mostra i risultati (691 voti)
Leggi i commenti (3)

«Se Google non presenterà al più presto proposte sostanzialmente migliorative, gli editori europei chiedono che la Commissione utilizzi tutti i poteri legali, compreso un immediato Statement of Objections che preveda rimedi efficaci»: è questa la bellicosa dichiarazione del presidente della FIEG, Giulio Anselmi

Sempre Anselmi ha spiegato che ciò che gli editori chiedono è «Una ricerca equa e non discriminatoria realizzata con criteri imparziali nei confronti di tutti i siti web», definita un «prerequisito essenziale per lo sviluppo dei media e delle tecnologie a livello europeo».

La risposta dell'Europa è attesa per dopo l'estate mentre Google non ha perso tempo e ha già fatto sapere che non intende apportare alcuna modifica nel senso richiesto dagli editori.

Con un post sul proprio blog europeo, l'azienda ha riassunto brevemente l'evoluzione subita nel corso del tempo da parte della pagina dei risultati, ha ricordato le proposte formulate ad aprile e concluso: «Come abbiamo sempre detto, noi costruiamo Google per gli utenti, non per i siti web. E non vogliamo ostacolare le innovazioni essenziali dei servizi di Google che piacciono maggiormente alla gente. Ecco perché ci siamo concentrati sul rispondere alle preoccupazioni specifiche della Commissione, e crediamo di aver fatto un buon lavoro».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Approfondimenti
La Germania introduce la tassa su Google News
Un coro di proteste contro Google Flights
Google, guai in arrivo dall'Antitrust
Google ancora sotto la lente dell'Antitrust europeo

Commenti all'articolo (3)



Gladiator
Francamente finchè trovo ciò che mi serve in tempi e modi che mi soddisfano tramite Google io continuo ad usarlo quando ciò non avverà più smetterò ed è questo il fattore che decreta o meno il successo di un motore di ricerca. I cari editori se ritengono che Google non soddisfi le loro esigenze in termini di risultati della ricerca... Leggi tutto
30-6-2013 15:05

darktheus
pensavo la stessa identica cosa ... se a uno non sta bene quello che una persona fa a casa sua fa a meno di andarci ... che poi la maggior parte delle persone usi google è una scelta personale e non obbligata con la pistola alla tempia .. uno può andare su yahoo bing ecc... andrebbero ignorate e basta ste richieste
27-6-2013 10:30


jinkazama82it
sinceramente non capisco perchè sti editori dei maroni debbano rompere il cavolo a sta maniera, google è un'azienda che offre dei servizi ai propri utenti oltre che un motore di ricerca, se alle altre aziende ciò non sta bene nessuno li obbiga ad usare google per indicizzare i propri prodotti, al mondo esistono tanti altri motori di... Leggi tutto
27-6-2013 09:06

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (3550 voti)
Aprile 2014
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Tutti gli Arretrati

web metrics