Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (819 voti)
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Tutti gli Arretrati

Singapore sperimenta l'auto che si guida da sola

E' un progetto completamente diverso da quello di Google: un minibus a 8 posti, completamente elettrico e autonomo, si aggira per le strade della città asiatica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2013]

induct navia driverless electric vehicle
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

A Singapore sta prendendo servizio, in via sperimentale, un tipo di veicolo autonomo, e completamente elettrico, diverso dalle auto senza conducente che siamo abituati a vedere.

Realizzato dall'Energy Research Institute della Nanyang Technological University in collaborazione con il produttore di veicoli Induct, è un minibus da 8 posti chiamato NAVIA. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
La società di consulenza McKinsey ha individuato 12 tecnologie "dirompenti", capaci di dare una spinta all'economia, migliorando produttività, favorendo i consumi e trasformando completamente la vita quotidiana. Quale sarà la più importante?
Internet Mobile
Software in grado di prendere decisioni autonome
Internet delle cose
Tecnologia cloud
Robotica avanzata
Auto che si guidano da sole
Genomica di nuova generazione
Batterie di nuova concezione
Stampa 3D
Materiali evoluti (grafene ecc.)
Metodi avanzati per trovare ed estrarre gas e petrolio
Energie rinnovabili

Mostra i risultati (1925 voti)
Leggi i commenti (32)
Navia, destinato sia al trasporto pubblico che a quello privato, è in grado di muoversi con sicurezza nel traffico di Singapore, ma a bassa velocità: raggiunge infatti al massimo i 20 km/h.

I vantaggi di questa soluzione sono da ricercarsi nei costi di esercizio (inferiori di circa il 30-50% rispetto a quelli di un minibus tradizionale) e nell'alimentazione completamente elettrica, a tutto vantaggio della riduzione dell'inquinamento.

NAVIA ha anche un'altra caratteristica interessante: permette ai ricercatori dell'Università di mettere alla prova le nuove tecnologie di ricarica come quelle a induzione, nel tentativo di ridurre al minimo i tempi necessari per riportare le batterie alla massima efficienza.

La sperimentazione durerà due anni; in caso di successo Induct s'è già detta interessata alla possibilità di sviluppare veicoli commerciali autonomi per Singapore.

Qui sotto, il video dimostrativo e altre foto.

induct navia driverless electric vehicle 2
induct navia driverless electric vehicle 3
induct navia driverless electric vehicle 4

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Il progetto di Volvo per l'auto senza conducente
Ricarica wireless per le auto elettriche
I taxi che si guidano da soli
Nissan: l'auto che si guida da sola in vendita nel 2020
Armadillo-T, la mini auto elettrica da città
L'auto senza conducente made in Google (aggiornamento)
L'auto che si assembla da sola grazie alla stampa 3D
Dieci consigli per guidare risparmiando carburante

Commenti all'articolo (2)


Maary79
Carino questo minibus elettrico, è un po più caratteristico e meno futuristico anche per una grande metropoli come Singapore. Andrebbe bene anche in Italia, per portare a spasso i turisti nelle città d'arte, e ci salirei anche io che non mi fido per natura, visto che non supera i 20 Km/h....farei in tempo a saltare giù in caso di... Leggi tutto
4-9-2013 14:28


Zievatron
C'è un censimento da qualche parte? Ormai, stanno aumentando queste sperimentazioni. Tutti vogliono realizzare i propri veicoli autoguidati. Ne dobbiamo dedurre che c'è nell'aria puzza di boom? :? Mi sa di sì. :wink:
2-9-2013 18:28


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics