Facebook Hacknight, la lunga notte romana delle app

Un'intera nottata di programmazione per sviluppare applicazioni dedicate al social network, con premi per coder e startup partecipanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2013]

facebook hacknight rome

Prenderà il via questa sera la prima Hackathon (ossia una "maratona di hacking", in questo caso specifico un'intera notte dedicata alla programmazione) italiana dedicata allo sviluppo di applicazioni per Facebook: la Facebook Hacknight.

Si svolgerà a Roma (negli spazi Luiss EnLabs, presso la Stazione Termini) e inizierà alle 17.30 quando gli esperti di Facebook, provenienti dalle sedi di Londra e di Dublino, terranno seminari e workshop di approfondimento sul gioco, sull'e-commerce, sul mondo mobile e sul marketing, il tutto ovviamente applicato alla creazione di app per il social network.

Quindi, alle 22.00, inizierà la Hackathon vera e propria. Partendo dalle idee proposte dalle startup che partecipano all'evento - che dopotutto è finalizzato alla creazione di prodotti - gli sviluppatori convenuti inizieranno a programmare dando vita in una notte alle idee suggerite e a quelle che essi stessi avranno pensato.

Domani, poi, verso le 12.30, verranno annunciati i progetti considerati migliori, che saranno premiati nelle varie categorie: verranno assegnati il riconoscimento al miglior coder, quello alla migliore startup, il Lazio Talent Award per la miglior squadra e quello per la miglior business idea.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (1297 voti)
Leggi i commenti (17)

Il primo premio per i programmatori consiste in un iPad con display Retina, mentre per le startup c'è in palio un coupon da 100 euro per le campagne pubblicitarie su Facebook.

Tutte le informazioni dettagliate si trovano sulla pagina ufficiale dell'evento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I robottini che insegnano ai bambini a programmare
Piovono le denunce per l'Hackmeeting 2006
Cracca al Tesoro 2012
QR Code gigante sul tetto, Facebook insegna
L'arte del lockpicking
Facebook lancia le pagine dell'amicizia

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (908 voti)
Maggio 2016
Come far durare più a lungo la batteria di un dispositivo Android
Ragioni per usare la modalità aereo quando non sei in aereo
Il ''Service Pack 2'' di Windows 7
TeslaCrypt, arriva la chiave di sblocco universale
Red Ronnie e la Sindrome delle Due Campane
CryptXXX torna a colpire e non c'è antidoto che tenga
Metroweb, Enel e Telecom: come ricomprare ciò che era tuo
CEO di BioViva si inietta virus e si allunga vita di 20 anni
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Harry Potter accusa Wikipedia di pirateria
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Tutti gli Arretrati


web metrics