La proposta minima di democrazia elettronica a Roma

I 5 Stelle a Roma vogliono petizioni online e voto elettronico ma tutti si scandalizzano. Eppure è il minimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2017]

voto elettronico roma

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle presso il Comune di Roma, che il movimento stesso governa con Virginia Raggi, ha presentato un pacchetto di proposte per avviare a livello comunale la pratica della democrazia diretta elettronica, tanto cara a questo partito politico sia per la sua nascita che per la sua stessa vita interna.

In concreto, tali proposte riguardano l'introduzione di petizioni online e la possibilità di sperimentare il voto telematico, non da casa ma in appositi seggi elettorali.

Si tratta evidentemente di proposte minime e quasi obbligate: non è certo inedita né rivoluzionaria la possibilità per i cittadini di raccogliere firme online per proporre o modificare le regole amministrative.

Analogamente, anche il voto elettronico nei seggi è già da anni prassi in molte realtà europee e statunitensi.

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (749 voti)
Leggi i commenti (4)

La proposta è però entrata subito nel tritacarne della contrapposizione tra Movimento 5 Stelle e PD, nonostante il passo richiesto sia prudente e lo stesso partito di Matteo Renzi rivendichi spesso un primato in fatto di innovazione istituzionale ed economica, tanto da aver lanciato una propria piattaforma online chiamata Bob (come Bob Kennedy) per collegare meglio il vertice e la base del partito.

Ciò dimostra, se ce ne fosse bisogno, tutta l'arretratezza del dibattito politico italiano su questi temi, che invece dovrebbero essere centrali per avvicinare maggiormente i cittadini alle istituzioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Svizzera, no al voto elettronico
Il virus svizzero per i brogli del voto elettronico
La pericolosa illusione della democrazia diretta digitale
Primarie USA, dubbi sul voto elettronico
La democrazia on line è già in crisi
Deaglio: gli hacker di Tavaroli sabotarono le elezioni del 2006
Rischio brogli con il voto elettronico
Dubbi sul voto elettronico
L'Irlanda elimina il voto elettronico
Il voto elettronico: la democrazia in bilico
Campagna europea per il voto elettronico sicuro

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{gemo}
Il 'dibattito italiano' è incentrato sul fare scena a beneficio di una maggioranza di cittadini la cui consapevolezza è a livelli infantili. Basta vedere come nessuno si preoccupi di formare un comitato pubblico di verifica delle affermazioni elettorali dei nostri politici da teatrino. Ci aveva provato qualche anno fa (incredibile ma... Leggi tutto
12-4-2017 20:24

La costituzione italiana prevede il voto segreto, ma votare da casa e registrare che si ha votato (fra l'altro al momento per registrarsi in autonomia non ci sono metodi affidabili al 100% alla portata di tutti) rende il voto segreto... non segreto :( IMHO la vedo dura avere il voto da casa, poi se ci mettiamo anche la possibilità, già... Leggi tutto
12-4-2017 13:11

@zero Certo i rischi ci sono. Ma anche una persona che si reca alle urne può essere pagata, entrano con lo smartphone e fanno quante foto vogliono. E non è che non siano così poco comuni eventuali brogli elettorali. Certo, un virus può far si che un unica persona voti 1000 volte, con 1000 nomi, magari di morti, magari di persone che... Leggi tutto
12-4-2017 10:02

Il problema del voto da casa e' quello della sicurezza. Il PC potrebbe essere infettato da un virus, progettato ad hoc, che cambia il voto prima dell'invio. Oppure potrebbero tracciare il tuo voto. Mi viene in mente anche la vendita del proprio voto in cambio di favori. Insomma, i rischi sono maggiori. Leggi tutto
11-4-2017 16:51

Concordo al 1000%. Basta che non serva lo SPID, ma basti uno dei tanti sistemi federati di autenticazione già esistenti, o che finalmente si possa usare il certificato sulla CNS. Leggi tutto
11-4-2017 16:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (354 voti)
Giugno 2017
I medici americani: i lampioni a Led fanno male
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Tutti gli Arretrati


web metrics