La Modalità Incognito non è poi così sicura

Ricostruire i siti visitati da chiunque è fin troppo semplice.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-08-2017]

incognito

Se pensate che per tenere segrete le vostre abitudini nel web basti abilitare la modalità di navigazione in privato (il cosiddetto Incognito Mode), che ormai tutti i browser mettono a disposizione, preparatevi a un brusco risveglio.

All'ultima DefCon Conference due ricercatori, Svea Eckert e Andreas Dewes, hanno dimostrato come sia in realtà piuttosto semplice scoprire le peregrinazioni nel web - clic per clic - di pressoché qualsiasi, comune utente.

Eckert è una giornalista e Dewes è un esperto nell'analisi dei dati (un data scientist, come si usa dire). Insieme hanno dato vita a una falsa azienda di marketing, curando ogni dettaglio, dal sito web alle persone (false) che vi lavorano.

Poi hanno iniziato a chiedere il contributo di altre aziende. Con il pretesto di voler testare una nuova piattaforma per l'intelligenza artificiale, hanno iniziato a richiedere cronologie di navigazione "grezze".

Tali cronologie nascono da tutti quei programmi che chiedono agli utenti di partecipare inviando non meglio precisate «statistiche anonime», ai quali generalmente gli utenti aderiscono senza pensarci troppo.

Le statistiche comprendono tutti i siti visitati da un certo utente e tutti i link su cui questi ha fatto clic, un insieme di dati generalmente noto come clickstreaming.

Eckert e Dewes non hanno nemmeno dovuto faticare per ottenere i dati: erano disposti ad acquistarli, ma in moltissimi casi hanno scoperto che quanti ne sono in possesso li scambiano liberamente tra loro.

Si potrebbe obiettare che tutte queste informazioni sono però anonime, in quanto per il modo stesso in cui sono raccolte non hanno alcun collegamento con l'utente o col computer che le ha generate.

Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! ╚ molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona cosý
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
╚ una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1260 voti)
Leggi i commenti (6)

Ciò è vero, ma de-anonimizzarle è tutt'altro che difficile. Per esempio, quando nel clickstreaming c'è la visita alle statistiche di Twitter di un dato utente, ci sono ottime probabilità che i dati di quello stream appartengano a quella persona.

«Le informazioni pubblicamente disponibili sugli utenti sono in crescita continua, e perciò sta diventando semplice trovare le informazioni necessarie per procedere alle de-anonimizzazione» spiega Dewes.

Il 95% dei dati raccolti dai due proviene da 10 «estensioni popolari», spessissimo installate nei browser dagli utenti e altrettanto sovente usate dalle aziende per creare profili degli utenti stessi che legano le abitudini di navigazione alle identità reali.

Il tutto avviene con inquietante normalità anche se è attivato il cosiddetto Incognito Mode.

«Ciò che queste aziende stanno facendo è illegale in Europa, ma a loro non interessa» ha dichiarato Eckert, svelando come il loro sistema abbia permesso di entrare in possesso dei dati di navigazione di 3 milioni di cittadini tedeschi.

Una volta conclusa la ricerca, tutti i dati sono stati cancellati. Eckert e Dewes temevano infatti che qualcuno potesse rubare le informazioni raccolti, con grave danno per la privacy delle persone coinvolte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{menouno}
Come dice l'articolo le estensioni vengono installate dall'utente (dice spessissimo ma in realtà è sempre). E' un pò come darsi da soli una martellata sui denti. Vuoi essere anonimo? Usa una VPN o meglio ancora Tor Browser.
9-8-2017 22:58

E se la modalitÓ incognito fosse la "s˛la" fuori parentesi? :lol:
9-8-2017 11:56

@Zero, credo che qui si stia dicendo che questi "plugin" sono installati sul tuo PC, sul tuo Browser, e registrano i dati prima di tutto in locale ( e solo in un secondo tempo li inviano alla societÓ che ti ha chiesto di ricevere le statistiche). E' assurdo che la modalitÓ "Incognito" non disabiliti tutti i plugin,... Leggi tutto
7-8-2017 14:01

{Arturo}
Sarebbe utile sapere quali sono queste estensioni...
5-8-2017 09:34

La modalita' incognito puo' solo cancellare le tracce (cache, cookie, ecc.) dal proprio PC. Lo scopo e', appunto, di ripulire il proprio PC. E' ovvio che quando ti colleghi ad un sito, lasci tracce al di fuori del tuo PC, e ne perdi il controllo. Ci sono mille modi per risalire al tuo IP e quindi a te.
5-8-2017 08:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1523 voti)
Agosto 2017
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Tutti gli Arretrati


web metrics