Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1137 voti)
Gennaio 2015
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Amazon regala 175 euro di app per Natale
La chiavetta USB che ti hackera il PC in meno di un minuto
Tutti gli Arretrati

Google Cina non censura Beppe Grillo

La facciona del più famoso blogger italiano è censurata dalla grande G cinese? Bufala.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2006]

Grillo e Bondi
Due beniamini degli italiani sotto le grifie della censura cinese

Beppe Grillo, come abbiamo già detto, "gode di una fortissima popolarità presso il grande pubblico, guadagnata in anni e anni di TV, consolidata da una fama di 'duro e puro' e con anni di spettacoli in tutte le città italiane, parlando contro l'inquinamento, le sofisticazioni alimentari, le tangenti, i disservizi telefonici, lo strapotere della pubblicità e le menzogne dell'informazione ufficiale".

Il suo blog è non solo il più letto in Italia, ma uno dei più letti nel mondo, come testimonia la classifica di Technorati. Il successo del blog si è rovesciato sul mondo reale: nelle principali città italiane sono nati moltissimi Meetup, ovvero gruppi di sostenitori di BeppeGrillo.it, che organizzano sit-in, raccolte di firme e volantinaggi.

Talvolta anche i migliori sbagliano, e pare che il comico genovese sia incorso in una topica sul caso Google-Cina. Secondo Beppe Grillo, in questo post, google.cn non si limiterebbe a oscurare i documenti sull'indipendenza del Tibet, o sui fatti di piazza Tien An Men, ma opererebbe una vera e propria censura sull'immagine (non sui testi!) del comico.

Scrive Beppe Grillo: "La Cina ha oscurato la mia immagine. Un cittadino cinese che volesse vedere Beppe Grillo ottiene questo risultato dalla versione cinese di Google. Nel resto del mondo la mia faccia invece si vede ancora."

Straordinario e inquietante, no? Niente paura, si tratta di una bufala, molto probabilmente involontaria, ma sempre bufala. Lo rivela un post di ieri sul blog La Rivoluzione, che ruota attorno a Scarichiamoli!. L'errore nasce dal fatto che la ricerca di Grillo su google.cn, è stata effettuata solo sui siti cinesi. Chi ha voglia di ravanare nel link sopra riportato, può notare il parametro "country", che restringe la ricerca ai soli siti con un certo suffisso regionale, in questo caso "cn".

È assolutamente plausibile che il nostro Beppe Grillo non abbia nemmeno un'immagine su un sito cinese: da quelle parti non è così famoso. La riprova è presto fatta: togliendo il parametro country si ottiene, da google.cn, questo risultato, che è l'elenco delle immagini che google-cina ha trovato cercando l'intero web.

L'errore è assolutamente comprensibile, visto che non tutti maneggiano gli ideogrammi cinesi con sufficiente perizia, ma non ha mancato di sucitare ilarità, soprattutto dopo aver visto quest'altro post della Rivoluzione, che elenca vari personaggi colpiti dalla censura gialla, tra cui il noto e amato politico Sandro Bondi. Risate amare, certo, visto che gli argomenti Cina e censura non fanno di solito ridere.

Grillo è un personaggio molto intelligente e sincero e il suo solo limite, se proprio lo vogliamo andare a cercare, è la sua scarsa dimestichezza con Internet e le nuove tecnologie. Per esempio, la scelta del blog, per un sito che supera i 100.000 contatti al giorno, ha fatto storcere il naso ai professionisti del web di tutto il mondo. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti: a parte la qualità degli interventi di Beppe Grillo, sul cui acume non si può discutere, il punto debole sono i commenti: tanti, fuori tema, di scarso interesse e spesso senza risposta.

Non preoccupiamoci troppo, il nostro dispone di mezzi e cultura sufficienti per porre rimedio a questi e a ben altri disguidi. Intanto, godiamoci questo momento di spasso: Beppe Grillo, volontariamente o no, riesce sempre a farci ridere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


horus
In realtà il meccanismo di indicizzazione di google è un po' più complesso delle semplici parole chiave inserite dai webmaster proprio per evitare troppo facili strumentalizzazioni. Ciò non toglie che ci sia chi riesce comunque a trovare scorciatoie come nei casi da te citati (che non ho controllato) e che in Cina ci sia la censura. ... Leggi tutto
21-2-2006 12:55

{Loredana}
cosa c'entra la popolarità? Leggi tutto
21-2-2006 09:17

ottomx
L'onere della prova ce l'ha chi afferma un fatto! Sei stato censurato?? Dimostramelo!! Se una valanga di altra gente non compare (ben più importante di grillo... io ho cercato giovanni paolo II e non c'è), me lo dici tu che cazzarola di censura è?? E che cazzarola di censura è la censura delle sole immagini?? E' una palese bufala!! ... Leggi tutto
20-2-2006 21:53

{Danilo}
Dopotutto credo che Google l'abbia censurato Leggi tutto
20-2-2006 18:41


liver
La censura è dinamica, certo, ma come si spiega che si applica solo alle immagini della faccia e non ai testi? E perché, allora, questo discorso non potrebbe applicarsi ad altre persone? Se Grillo ci ha preso, ha ragione pure chi lamenta la censura per Sandro Bondi. Siamo nel campo delle ipotesi, perché Grillo non ha pubblicato il... Leggi tutto
20-2-2006 16:32


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics