Sondaggio
I tuoi sogni sono a colori o in bianco e nero?
A colori
In bianco e nero
In 3d, anche senza occhialini
Un po' come capita

Mostra i risultati (1128 voti)
Luglio 2015
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Tutti gli Arretrati

Il braccio e la mente

Un microscopico neurochip impiantato nella corteccia cerebrale potrà ridare vista e persino movimento agli incidentati gravi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-10-2007]

rbc

Si è chiusa alcuni giorni fa la quinta edizione di Bergamo Scienza, una lunga kermesse di divulgazione scientifica che ha visto impegnati per tre settimane scienziati di ogni parte del mondo e tecnici specialisti nelle più diverse discipline.

Dai resoconti di un'ottantina tra incontri e tavole rotonde, aperti anche alla partecizione della scuola, fa spicco la realizzazione di John Donoghue, professore di neuroscienze all'Università di Rhode Island, nell'ambito delle protesi neurali, cioè quei microcomputer che immessi in un corpo vivente tentano di sostituire le connessioni nervose interrotte da traumi, incidenti e via dicendo.

BrainGate, così si chiama il microchip, è realizzato della Cyberkineticsinc, divisione della Neurotechnology Systems con sede in Massachusetts. Dopo una sperimentazione su scimmie durata diversi anni, è stato finora impiantato con successo complessivamente su quattro volontari sotto il controllo del comitato etico degli ospedali che hanno accettato di partecipare al progetto.

Ottenuto il permesso dalla severa Food and Drug Administration, ha potuto continuare la sperimentazione sugli esseri umani impiantando un microchip di 4 millimetri direttamente nella corteccia cerebrale di un tetraplegico consentendogli contatti anche abbastanza sofisticati con il mondo esterno, come ad esempio spedire email o cimentarsi in facili videogiochi.

La novità presentata è di non poco conto, perché una cosa è trasmettere gli impulsi attraverso una terminazione nervosa danneggiata, altra cosa è rendere interprete una macchina del pensiero umano e trasferire coerentemente il movimento agli arti mediante una serie di impulsi tradotti dal software.

Secondo quanto riportato dal New York Times, la protesi neuronale ulteriormente miniaturizzata potrebbe essere commercializzata già dalla fine di quest'anno; ma probabilmente andrà prima in mano ai militari ai quali non parrà vero di avere a disposizione un organismo bionico, magari anche capace di comunicare in via telepatica.

Non siamo ancora negli scenari fantascentifici immaginati una quarantina d'anni fa da Dean Koontz con il suo Jumbo-10, ma sicuramente siamo entrati - senza accorgercene - nell'era dei Robocop.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics