Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Perché Twitter ha tanto successo?
Il limite di 140 caratteri obbliga a esprimersi con brevità e concisione.
Si possono condividere link interessanti velocemente e a un gran numero di persone.
L'integrazione con il cellulare consente di inviare e ricevere i tweet via Sms.
Consente di rimanere aggiornati su un determinato argomento in tempo reale
La motivazione è un'altra, ve la esplicito nei commenti qui sotto.

Mostra i risultati (839 voti)
Settembre 2014
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Curriculum vitae per aziende hi-tech
Google offre un milione a chi creerà un piccolo inverter
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Il robot-origami è il primo vero transformer
Napoli lascia il Pinguino e ritorna con Microsoft
Tutti gli Arretrati

Vendita follower Twitter e fan Facebook a prezzi stracciati

L'80% dei "mi piace" è fasullo: Marco Camisani Calzolari svela il mercato nero di fan e follower.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-05-2012]

camisani calzolari fan follower fasulli

Come si fa a ottenere migliaia di follower su Twitter e generare clic a raffica sul pulsante Mi piace di Facebook in corrispondenza dei propri post?

La teoria dice di curare i contenuti, facendo in modo che siano originali e accattivanti, e di tenere in conto la relazione con le persone che commentano o cliccano: consigli che diventano estremamente importanti - dice sempre la teoria - se si è un azienda e non un singolo blogger.

Internet - e i social network in particolare - si presentano in questo modo come il mondo della meritocrazia perfetta, dove chi più vale più viene apprezzato e acquisisce visibilità.

In realtà le cose spesso stanno diversamente: è una sorta di segreto di Pulcinella che Marco Camisani Calzolari, professore alla IULM di Milano, ha ora messo a nudo.

Ha infatti avuto l'ardire di raccontare a tutti che, spendendo appena 20 dollari, si possono acquistare in una volta sola 50.000 follower su Twitter, rivolgendosi a SEO Clerks.

«Le aziende (a volte consenzienti) non possono continuare a pensare che i fans/likes siano tutti veri, così come molte company di Internet PR devono iniziare a vendere meno fuffa...» chiosa Camisani Calzolari. «Molte web agency agiscono in questo modo e tutti comprano i fan. È ora dire basta».

Aziende, politici e semplici utenti desiderosi di notorietà sarebbero tra gli acquirenti di una merce molto economica e allo stesso tempo in grado di appagare l'ego, o di falsare la propria immagine, che ha avuto conseguenze notevoli se è vero, come spiega ancora Camisani Calzolari, che «l'80% dei fan e dei follower delle aziende italiane è finto».

Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (1422 voti)
Leggi i commenti

Peraltro, i follower o i fan acquistati a prezzi stracciati sarebbero di due tipi: da un lato ci sono quelli falsi, creati da bot dando vita a profili che in realtà non corrispondono a nessuno e che, a ben guardare, si distinguono abbastanza facilmente da quelli reali; dall'altro ci sono le persone reali iscritte ai programmi di affiliazione.

«"Facebook alimenta una bolla che deve essere fatta esplodere. È sicuramente una vetrina per le aziende, ma non è il luogo dove gli affari si concludono. E nel frattempo il social marketing si è ridotto al numero di fan di una pagina, senza che questo porti risultati» sostiene ancora Camisani Calzolari sul proprio profilo Facebook, dove ha spiegato di aver comprato anche 6.000 mi piace per la modica cifra di 30 dollari.

Le rivelazioni fatte dal professore della IULM proprio non devono essere piaciute a chi su questo «mercato nero» finora ha marciato, dato che nell'ultimo aggiornamento lasciato su Facebook si legge: «Vi avviso che sto ricevendo minacce più o meno esplicite a causa del coperchio che ho aperto sul mercato dei finti fans. C'è chi mi ha giurato vendetta e che mi guarderà a vista facendo il possibile per diffamare ogni mia futura attività...».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 11)


Gladiator
Sarà che sono completamente avulso dalle dinamiche dei social network ma non capisco proprio questa cosa... :?
2-5-2014 11:13


Zievatron
Sarà una forma di malattia?! :?
1-5-2014 23:35


Gladiator
Ma... a che serve spendere soldi per una cosa del genere? :shock:
1-5-2014 14:31

{michele}
io li ho comprati su questo sito link i prezzi sono tra i migliori e i fan sono italiani e reali...consigliato
1-5-2014 11:35


Gladiator
Quoto anch'io. In base alla tua affermazione, però, ti pongo una domanda: Premesso che non ho mai frequentato social network e che dubito fortemente lo farò in futuro, esistono dei social network che non rappresentano la stupidità della nostra società e le sue peggiori storture? Leggi tutto
19-5-2012 14:57


Marcus Prometheus
Minacce di vendicarsi seguendo l'attivita' futura per segnalare eventuali sgarri anche minimi al primo sospetto, non mi sembrano rilevanti penalmente. Pertanto mi sembra (mio personale parere) che non ci fosse niente da segnalare alle autorita', mentre e' legittimo rendere nota comunque questa reazione.
19-5-2012 12:19

dany88
mah....sinceramente a me sembra un po' ridicola anche questa cosa delle minacce, se realmente è stato minacciato, invece di dirlo pubblicamente avrebbe dovuto denunciarlo alla polizia, anche perchè dalle sue parole sembra proprio che le minacce le ha ricevute da persone note. Ergo, a me sembra una trovata per far cassa da risonanza.
18-5-2012 17:37


Zievatron
Quoto Zorro, in toto.
18-5-2012 13:47


Zorro
@dany88 Vedi c'è una profonda differenza tra sapere e diffondere il sapere. Tu hai tenuto il tuo sapere per te e nessuno ti ha mai minacciato, Marco Camisani Calzolari diffonde il sapere e riceve minacce, c'è una differenza no? cmq questa informazione, che non ho difficoltà ad ammettere che non conoscevo, mi ha aumentato la... Leggi tutto
18-5-2012 10:58

dany88
non ha scoperchiato nulla, o perlomeno, penso che tutti sapessimo che i social network sono territorio di bot.... Software atti a creare account risolvendo captcha, likeare, followare, etc...esistono da anni e fatemi capire...arriva il pinguino di turno spacciando questo come la rivelazione del quarto segreto di Fatima e bisogna... Leggi tutto
18-5-2012 09:36

Leggi gli altri 1 commenti nel forum Facebook e altri social network
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics