Wikipedia cerca monumenti

Il concorso Wiki Loves Monuments sta per iniziare, ma c'è ancora tempo per aggiungere monumenti alla lista delle opere fotografabili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-07-2012]

Torre di Pisa
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Il mese di settembre si avvicina, e con esso la partenza ufficiale dell'iniziativa Wiki Loves Monuments. Il concorso ha due scopi principali: valorizzare e documentare il patrimonio culturale, e aumentare la consapevolezza che Wikipedia è un bene di tutti e che chiunque può offrire il proprio prezioso contributo.

Sappiamo tutti che il patrimonio artistico del Belpaese è immenso; con la sezione italiana del concorso, l'associazione Wikimedia Italia vuole contribuire a promuovere la ricchezza artistico-culturale italiana presso una vasta platea internazionale, e dare a chiunque la possibilità di mostrare le sue capacità.

La partecipazione al concorso è assolutamente libera e gratuita, e gli unici impegni richiesti sono l'iscrizione a Wikimedia Commons (il progetto della famiglia Wikipedia che raccoglie immagini e video libere) e il rilascio delle immagini sotto la licenza Creative Commons CC-BY-SA 3.0, permettendo così a chiunque di riutilizzarle purché l'autore originale sia riconosciuto e siano concessi gli stessi diritti agli altri utilizzatori.

Fotografare monumenti in Italia però non è sempre facile: per essere certi di ottemperare alle leggi nazionali occorre l'autorizzazione del proprietario o dei legittimi aventi diritto.

Wikipedia Loves Monuments Italia ha già una lista di monumenti per cui tale autorizzazione è stata concessa - ma invita tutti a cercare e contattare le autorità competenti, come per esempio gli uffici comunali, per ampliarla.

Sondaggio
Qual è il momento della giornata in cui ti senti più creativo?
Alla mattina presto
A metà mattinata
All'ora di pranzo
Nel primo pomeriggio
Nel tardo pomeriggio
All'ora di cena
Di sera
A notte fonda
In un qualsiasi momento
Non sono per niente creativo

Mostra i risultati (1484 voti)
Leggi i commenti

In questo modo ci guadagneremo tutti: chi gestisce i monumenti avrà a disposizione un'ampia scelta di fotografie di alta qualità, i partecipanti al concorso avranno una più ampia scelta, e chiunque potrà fruire liberamente del risultato.

Ecco come è possibile ampliare la lista dei monumenti fotografabili:

- Contattate un'istituzione privata o azienda che possegga o gestisca un monumento (come per esempio un palazzo) databile fino ai primi del '900 e chiedete l'autorizzazione a fotografarlo e a rilasciare le foto in CC-BY-SA. L'autorizzazione deve pervenire a Wikimedia Italia su carta intestata o comunque in via ufficiale. Può essere utile scaricare e personalizzare il modello di lettera di adesione.

- Contattate un comune e chiedete, come sopra, l'autorizzazione. Di solito ai comuni è bene chiedere un elenco dei monumenti (comprensivo di nome del bene e indirizzo). È possibile utilizzare come fac-simile la delibera del Comune di Pavia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Nearby, Wikipedia adesso è geolocalizzata

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1217 voti)
Maggio 2016
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Trend Micro: disinstallate subito QuickTime
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics