11 milioni di siti HTTPS a rischio

Una vulnerabilità vanifica la crittografia TLS e colpisce anche i server email.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-03-2016]

falla ssl tls

Il protocollo SSL, che ha ormai 21 anni, è stato da soppiantato dal suo successore TLS perché ritenuto troppo insicuro. Eppure, continua a fare danni.

È stato infatti appena scoperto un nuovo attacco in grado di violare le comunicazioni crittografate dei siti che adottano TLS (se le comunicazione è cifrata, il protocollo indicato nella barra degli indirizzi del browser passa da HTTP a HTTPS) proprio a causa dell'"eredità" di SSL.

Il problema interessa quei siti che adoperano il protocollo TLS e l'algoritmo RSA. A causa della vulnerabilità, un hacker può tentare ripetutamente di connettersi usando SSLv2, ottenendo ogni volta alcune informazioni sulla chiave crittografica.

Alcune implementazioni di TLS, mal configurate, mantengono infatti il supporto a SSLv2 per rispondere alle richieste dei computer client che ne richiedano esplicitamente l'uso: pertanto, la rimozione del supporto a SSL dai client non è sufficiente se non si controlla attentamente anche la configurazione di TLS.

Come segnala RedHat, il problema riguarda anche la libreria OpenSSL, che fino all'ultimo aggiornamento risultava vulnerabile: chi gestisce un server farà bene a controllare di avere installata la versione 1.0.2g, rilasciata lo scorso 1 marzo.

drown explainer
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Una recente scansione rivela che sono 5,9 milioni i server web che supportano direttamente SSLv2 e quasi 1 milione i server email configurati allo stesso modo. Inoltre, un web server che non supporta SSL risulta comunque vulnerabile se per esempio sulla stessa macchina è presente un mail server che lo supporta, se le chiavi di cifratura RSA sono le stesse per entrambi i servizi.

Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia pių complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (1580 voti)
Leggi i commenti (8)

Il risultato di tutto ciò è che circa 11,5 milioni di siti protetti con HTTPS sono vulnerabili all'attacco, e anche un buon numero di mail server.

IIS, il server web di Microsoft, a partire dalla versione 7.0 disabilita SSLv2 per impostazione predefinita e si può quindi considerare sicuro; anche la versione 3.13 (e successive) della libreria NSS non usa più SSL.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Falla DROWN, cosa c'è da sapere (niente panico).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Transazioni sul web e comunicazioni criptate a rischio
Firefox, trafugati dati riservati sulle sue falle
Poodle, vulnerabilità in tutti i browser
LinkedIn, il bug SSL non è stato ancora corretto
Cifratura HTTPS compromessa in 30 secondi

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi pių pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual č il pių pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (1795 voti)
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Tutte le Volkswagen vendute dopo il 1995 si possono aprire con Arduino
10.000 titoli Amiga giocabili gratuitamente nel browser
Sì, le chiavette USB lasciate in giro come esca funzionano
Cambiare le password troppo spesso fa male alla sicurezza
I 10 siti torrent più popolari
Andate in vacanza? Usare una VPN per proteggervi può portarvi in carcere
Luglio 2016
Lo smartphone da 50 dollari di Amazon
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Tutti gli Arretrati


web metrics