Perché le ragazze non studiano le materie STEM?

Science, technology, engineering, mathematics: interessano solo al 12,6% delle studentesse universitarie italiane.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-03-2017]

Women in ICT brunette
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Prende il via oggi l'edizione 2017 di Nuvola Rosa, il progetto nato nel 2013 per sostenere la diffusione di competenze digitali attraverso percorsi di formazione gratuiti, destinati a migliaia di giovani donne in Italia e all'estero.

L'iniziativa, organizzata da Microsoft in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale e growITup, coinvolgerà più di 1.500 studentesse e giovani donne di tutta Italia, da marzo a dicembre 2017, in oltre 40 corsi di formazione che si terranno nelle Digital Class della Microsoft House e nelle aule di Cariplo Factory, promotore di growITup insieme a Microsoft, e che spazieranno dallo sviluppo delle competenze base dell'informatica, al coding fino alla robotica e all'arte digitale. L'avvio ufficiale è stato dato oggi presso la Microsoft House, che ha ospitato la prima classe di 30 studentesse della scuola superiore Falcone Righi di Corsico (MI) in un corso focalizzato su Touch Develop.

Il lancio ufficiale della nuova edizione, è stata l'occasione per presentare "European Girls in STEM", uno studio a livello europeo commissionato da Microsoft al professor Martin W. Bauer del dipartimento di Psychological and Behavioural Science at the London School of Economics (LSE).

Lo studio ha coinvolto 11.500 ragazze e giovani donne europee di età compresa tra gli 11 e i 30 anni di 12 Paesi - Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Regno Unito, Russia e Slovacchia. La ricerca individua quale il momento esatto in cui le giovani donne perdono interesse verso lo studio delle materie tecnico-scientifiche e quali le motivazioni, individuando modelli e percorsi per prevenire questo declino, che preclude tante opportunità di lavoro e avviare invece un rapporto positivo nello studio e nel successivo sbocco occupazionale.

Individuare il problema

Nell'ultimo decennio l'occupazione nel settore tecnologico europeo è cresciuta a una velocità tripla rispetto all'occupazione generale. Se sul mercato del lavoro digitale avessimo un pari numero di donne e uomini, il Pil annuo dell'Ue potrebbe registrare una crescita di 9 miliardi di euro. È fondamentale incoraggiare le ragazze a intraprendere percorsi formativi e professionali, sia per creare nuove opportunità professionali che rilanciare l'economia del Paese, eppure i limiti sono ancora tanti.

Secondo la ricerca a livello europeo l'interesse della maggioranza delle ragazze per le materie Stem si sviluppa verso gli 11 anni e mezzo per poi calare drasticamente tra i 15 e i 16 anni. In italia ugualmente l'interesse nasce verso gli 11 anni ma cala leggermente dopo verso i 17anni per poi avere un picco ai 26 anni, età che, in linea generale, corrispondono al momento in cui le giovani studentesse sono chiamate a decidere come proseguire il proprio percorso di studi scegliendo o meno di iscriversi all'Università e al momento in cui si affacciano al mondo del lavoro vero e proprio. Non è un caso che solo il 12,6% delle studentesse italiane intraprende un percorso universitario legato alle STEM, solo il 6,4% lavora nell'ICT e il 13,3% in settori correlati all'ingegneria.

Altri dati interessanti mostrano che le giovani italiane

· si posizionino nei primi tre posti in europa per interesse rispetto alle materie scienitifiche e informatica durante il percorso scolastico (il 42,1% afferma di essere stata appassionata di matematica durante il percorso scolastico).

· si sentano portate per le materie scientifiche e in particolare per la matematica (41,7%, media europea del 37,6%) , l'informatica (49,2% media europea del 42,2%) e la biologia (39,2%, media europea del 40,2%).

Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1384 voti)
Leggi i commenti (8)

· siano convinte del loro potenziale: il 59% delle giovani italiane dichiara che otterebbe ottimi risultati nello studio delle STEM, al pari di un ragazzo.

· siano innovative e derminate: il 53,1% dichiara di ritenersi molto creativa, e di avere idee e prospettive molto diverse da quelle generali (79,3%), di porre questioni che sfidano le conoscenze esistenti (55,5%), di avere nuove idee quando osservano come le persone interagiscono con prodotti e servizi (72,9%), di essere convinte che le soluzioni ai problemi in un settore specifico si debbano ispirare in maniera osmotica ciò che avviene in altri ambiti.

· il 60,6% di loro non si preoccupi della percezione di amici e conoscenti, che potrebbero considerarle "poco smart" se mostrassero un interesse per le STEM.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
I fattori determinanti per la scelta: non ci sono pari opportunità!.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Si, certo, chiarissimo. :) Qualsiasi percorso di studio si scelga bisogna tener conto della domanda - offerta di lavoro, che non ci sia troppo divario. E sull'articolo non è stato specificato se questi studi, piuttosto che altri, poi veramente aprano la strada ad un/una giovane in cerca di lavoro. Quello che conta, alla fine, è... Leggi tutto
18-3-2017 14:17

@Maary79: Se i posti di lavoro sono 100, e sono già tutti occupati, 50 nuove donne che cercano lavoro non aumentano il PIL, ma permettono ai datori di lavoro di abbassare le retribuzioni di tutti - tanto c'è abbondanza di aspiranti. Sono stato meno confuso? :) O non ho capito a cosa ti riferisci?
17-3-2017 14:27

D'accordissimo con la prima parte del post, se comunque parliamo di parità di stipendio fra uomo-donna. Ma per quanto riguarda la seconda parte...cosa intendi? Se manca l'offerta (o se non è sufficiente per impiegare tutti) è sempre indifferente che si parli di uomini o donne. Leggi tutto
17-3-2017 14:03

Gli esseri umani sani sono fondamentalmente pigri, nel senso che si sforzano solo quel tanto che basta per ottenere il loro scopo. La "questione di genere" non sarà mal posta? Non è che le donne non si interessano alla tecnologia perché tanto trovano sempre qualcuno che risolve questo genere di problemi per loro? Oh, io... Leggi tutto
17-3-2017 09:04

Premetto che in materia di economia sono parecchio ignorante, mi piacerebbe capire per quale motivo dovrebbe aumentare il PIL in base al sesso degli addetti alle STEM :shock: Leggi tutto
16-3-2017 19:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3183 voti)
Marzo 2017
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Inflazione e tassi bassi? Ecco perché dire addio al conto corrente
Tagliando assicurativo e dematerializzazione, difficoltà per gli anziani
Il malware che cancella l'hard disk
Quel crack per Mac fa un patatrac
L'altro ieri siete stati buttati fuori dal vostro account Google?
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics