Windows 7 avrà il multitouch, il resto è avvolto nel mistero

Steve Ballmer e Bill Gates presentano un frammento del prossimo Windows che entusiasma le folle, ma non si sbottonano sui dettagli importanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2008]

Windows 7 avrà il multitouch, il resto è mistero

Windows 7, il sistema operativo che ancora non c'è, sta facendo parlare di sé un po' tutta Internet: la presentazione fatta ieri alla D6 Conference - protagonisti Steve Ballmer e Bill Gates - ha stupito gli astanti con la magia del multitouch.

La prossima versione di Windows dovrebbe dunque portare con sé un'interfaccia completamente rinnovata non solo nella grafica, ma nel modo stesso in cui l'utente interagisce con il sistema operativo: l'uso di schermi sensibili al tocco con cui si possa usare più di un dito alla volta pare certamente l'inizio di una rivoluzione, anche se forse non è il caso di abbandonarsi a un cieco entusiasmo.

La tecnologia che sta alla base di tutto ciò (dimostrata tramite un tablet Pc Dell Latitude XT) è derivata da Surface, il tavolino interattivo presentato qualche tempo fa. Non è tuttavia l'unico esempio di supporto al multitouch.

Apple, per esempio, già da un po' ha introdotto questa tecnologia nei pad dei propri portatili e, stando ai brevetti registrati, presto la estenderà: è vero che nel caso di Microsoft l'interazione avviene direttamente con lo schermo, tuttavia è probaible che per la data di arrivo prevista di Windows 7 la troveremo un po' dappertutto.

Non a caso, uno dei responsabili della scelta di Microsoft secondo molti è l'iPhone (insieme al fratello iPod Touch, dopotutto il primo dispositivo di largo consumo privo di tastiera.

In ogni caso, si prevede che le prime apparizioni di questa tecnologia saranno nel 2009, dodici mesi prima del debutto di Windows 7: chi comprerà un computer l'anno prossimo, d'altronde, vorrà essere certo che sia in grado di supportare il sistema operativo che uscirà l'anno successivo. E dunque ne vorrà probabilmente uno dotato di schermo sensibile al tocco, magari con un bell'adesivo Windows 7 Ready.

Tutto ciò non per sminuire l'importanza di quanto mostrato ma perché, citando Steve Ballmer, alla D6 è stato visto solo "il più piccolo frammento di Windows 7. È solo un piccolo, ridotto frammento". Una funzione spettacolare, che promette cambiamenti e che secondo i test condotti da Microsoft rende davvero alcune operazioni più facili e veloci da compiere che non con il mouse (ed è dunque più che benvenuta), ma che tuttavia non ci rivela che cosa Windows 7 sia in realtà.

Le anticipazioni, d'altra parte, non mancano: dagli screenshot (veri o falsi che siano) alla fremente attesa di informazioni da parte dei dirigenti di Redmond, tutto rende evidente che ci si aspetta un sistema veramente nuovo, a misura delle esigenze dell'utente, e che mantenga quelle promesse che Vista non ha potuto rispettare.

Ecco allora che si vocifera del ritorno di WinFS (nato dall'unione del filesystem Ntfs e del database Sql Server e che non ha fatto in tempo a essere integrato in Vista) e di un sistema finalmente modulare (in cui si possa installare soltanto ciò che serve, come per Windows Server 2008).

Ci sono poi voci di una modalità virtuale per far girare le applicazioni più vecchie, così da ridurre i problemi di compatibilità e dell'integrazione con Windows Live e Windows Mobile; altre che parlano del supporto agli Hard Disk Virtuali (VHD) e al concetto di HomeGroup che va a sostituire - nelle intenzioni di Microsoft - il vecchio sistema di rete basato su WorkGroup (i gruppi di lavoro).

Si dice, infine, che Windows 7 sarà una minor release di Windows Vista nonostante il numero di versione: servirà per far tornare ciò che è stato perso per strada e per migliorare alcune funzioni, ma manterrà per esempio lo stesso modello di driver (per fortuna) e non avrà un kernel completamente nuovo: dovrà garantire un passaggio il meno traumatico possibile per gli utenti senza richiedere risorse hardware eccessive, sebbene nei prossimi due anni sicuramente gli standard saranno più elevati. Dovrà essere, insomma, tutto quello che Longhorn doveva essere e che Vista non è stato. Con in più il multitouch.

Ma per la maggior parte si tratta, appunto, di voci. Su tutto ciò che davvero caratterizzerà la prossima versione di Windows, in realtà Microsoft sta tenendo il segreto, e probabilmente con buona ragione.

Considerate le promesse fatte nel passato e non mantenute (non per cattiva volontà, ma perché l'annucio era stato troppo ottimistico riguardo al tempo necessario allo sviluppo), è buona norma ora non scoprirsi troppo allettando allo stesso tempo gli utenti con quanto può essere mostrato senza tema di venire poi smentiti dagli eventi, visto che è basato su una tecnologia che pare collaudata. Se poi si tratta di qualcosa di spettacolare che possa zittire quanti continuano ad accusare Microsoft di copiare le caratteristiche degli altri sistemi senza portare vere innovazioni, tanto meglio.

Perché la concorrenza, in fondo, non è formata solo da Apple, o da Linux: esiste per Microsoft la concreta minaccia che viene dal Web. Se tutte le applicazioni necessarie sono accessibili in Rete, qualcuno potrebbe chiedersi a che serva un sistema operativo completo: non basterebbe un sistema minimale, necessario giusto per avviare il computer e un browser?

Qui sotto, il video della D6 Conference che dimostra il funzionamento dell'interfaccia multitouch.


Video: Multi-Touch in Windows 7

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Non vediamo l'ora di saperne di più... :roll:
5-6-2008 23:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (1809 voti)
Aprile 2017
7000 bolle di metano in Siberia rischiano di esplodere
L'antivirus che scambia Windows per un malware
Il motore di ricerca BitTorrent personale e inaffondabile
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Tutti gli Arretrati


web metrics