Hunziker da testimonial dell'Adsl ad avversaria di Facebook

La ex testimonial di Telecom Italia lascia Twitter e raziona Facebook alla figlia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-04-2012]

michelle hunziker facebook twitter

Non è passato nemmeno un anno da quando la bionda svizzerotta Michelle Hunziker entrava in tutte le case italiane, a tutte le ore e in cambio di un compenso milionario, per pubblicizzare Alice, l'ADSL di Telecom Italia, in compagnia di John Travolta. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2869 voti)
Leggi i commenti (19)
Dopo il mancato rinnovo del contratto con Telecom, la bella Michelle è diventata una critica severa dell'utilizzo eccessivo della Rete.

Dalla copertina del settimanale femminile A (che annuncia l'intervista all'interno del magazine) dichiara di aver lasciato il proprio account su Twitter e di non concedere alla figlioletta Aurora mai più di un'ora di Facebook al giorno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Ci sono persone che utilizzano i social network in maniera morbosa e al limite della schizofrenia. Ci sono adolescenti che possono compromettere la loro reputazione in totale insaputa. Ma questi sono una piccola percentuale sul totale, perche' mortificare i social network? Poi la scusa del buisness di zukemberg e' ridicolo... Come la... Leggi tutto
17-4-2012 00:31

In effetti, espresso meglio il concetto, l'ADSL di Telecom non e' internet e internet non e' FB e Twitter.. Leggi tutto
16-4-2012 17:58

{utente anonimo}
Normale. Come la TV per quelli della mia generazione (che poi è anche quella della Hunziker... siamo nati a meno di due anni di distanza), quand'eravamo bambini. Ad alcuni miei coetanei la TV era vietata tout court o iperrazionata. Risultato? mentre i bambini che non avevano limiti o quasi alla TV (magari dovevano fare i... Leggi tutto
15-4-2012 17:23

Ma pensiamo ancora che una Testimonial sia quello che dice nella pubblicità??? FINGONO! Sono ATTORI! :shock: Mamma mia quanto siamo retrogradi..... Poi crediamo su quello che dicono in una intervista ad un settimanale di "spettegulez"???? :lol: Da suicidio.... Ciao
15-4-2012 00:27

mmm....non capisco il nesso pubblicità telecom e twitter\facebook...
15-4-2012 00:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1340 voti)
Maggio 2016
La giornata internazionale contro i DRM
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Tutti gli Arretrati


web metrics