Sondaggio
Che cosa scarichi pi¨ spesso da Internet?
Musica / video musicali
Programmi Tv (telefilm ecc.)
Film
Podcast
Software
Ebook

Mostra i risultati (1825 voti)
Maggio 2015
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Tutti gli Arretrati

Le tre i

Inglese, informatica e impresa: le tre i di Berlusconi erano un'ottima idea e continuano a esserlo anche oggi. Vediamole in dettaglio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-05-2012]

inglese tre i
Foto di Yuri Arcurs

Agli albori della sua carriera politica, nel 1994, Silvio Berlusconi aveva promesso di dare all'Italia un milione di posti di lavoro in più nell'arco di tre anni.

Per ottenere questo clamoroso risultato, intendeva fare leva, tra le altre cose, sulle cosiddette "tre i", cioè inglese, informatica e impresa.

A distanza di quasi vent'anni, abbiamo oltre un milione di posti di lavoro in meno, le pensioni sono state quasi abolite, il precariato è una realtà dilagante e sta per essere varata una legge che renderà più facile licenziare i pochi fortunati che ancora hanno un posto di lavoro ed uno stipendio.

Possiamo quindi dire, senza timore di smentita, che Berlusconi ha fallito miseramente sul tema "occupazione". Nonostante questo, però, le "tre i" erano un'ottima idea e continuano a esserlo anche oggi (anche perché l'idea originale non era di Berlusconi).

Che ci crediate o no, conoscere davvero l'inglese, l'informatica e la gestione d'impresa è tuttora necessario sia per trovare un lavoro come dipendente che per riuscire a mantenersi come libero professionista.

In questa serie di articoli cerco di spiegare come si studiano queste tre discipline. In particolare, vedremo quali sono i risultati minimi che è davvero necessario raggiungere e vedremo come spendere il meno possibile per raggiungerli.

Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novitÓ
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novitÓ dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novitÓ da Twitter
Seguo le novitÓ da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (5320 voti)
Leggi i commenti (12)

Tenete presente che si tratta di una serie di articoli indirizzata a persone che dispongono, o disporranno presto, di una loro "competenza principale", rappresentata da una laurea o da un diploma, e che studiano queste tre discipline come "competenze ancillari" o "ausiliarie".

In particolare, mi rivolgo a coloro che hanno scelto un percorso di formazione tecnico, scientifico, economico o legale (chimica, fisica, ingegneria, medicina, biologia ma anche economia e commercio e giurisprudenza).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)


cisco
Le certificazioni come il Cambridge (ma nell'articolo si Ŕ dimenticato lo IELTS) sono spesso indispensabili se si vuole emigrare e lavorare in America, Canada, Australia e tutti quei paesi dove si parla inglese. E coi tempi che corrono, penso proprio che convenga farlo comunque, sia per leggere e capire le notizie su internet (magari... Leggi tutto
22-5-2012 18:30


Zeus
Leggi bene la serie di articoli e vedrai che NON si parla solo di "leggere" l'inglese ;)
18-5-2012 15:47

Roberto1960
Giusto, per caritÓ. Ma Ŕ un po' riduttivo usare l'inglese solamente per leggere. La veritÓ Ŕ che Ŕ diventata la lingua ufficiale per comunicare in tutto il pianeta e quindi non puntare anche al parlato e allo scritto mi pare veramente una scelta molto miope. Leggi tutto
18-5-2012 14:29

dany88
un altro consiglio che posso dare per imparare l'inglese parlato, Ŕ guardare su link, ci sono madrelingua inglesi (americani, inglesi, etc...) che offrono lezioni da 30\40 minuti per 5$ l'una.
15-5-2012 12:46

catello
La soluzione migliore a livello programmi tv broadcast ce l'hai con SKY che permette la doppia lingua. Ad esempio se ti vedi Gordon Ramsay in cucine da incubo (UK e USA) riesci a comprendere bene e ad apprezzare il suo accento British (anche se Ŕ nativo della Scozia) e le sue parolacce :-) Altrimenti serie tv USA/UK con sottotitoli in... Leggi tutto
15-5-2012 11:43


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics