Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Batterie al litio vietate dalle Poste USA

I prodotti che contengono batterie al litio (tra cui tablet, smartphone, notebook, fotocamere) non potranno più essere spediti all'estero col servizio postale americano. Potrebbero esplodere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2012]

usps batterie litio vietate

Una piccola rivoluzione sta per colpire gli americani che finora si erano affidati al servizio postale nazionale (lo United States Postal Service)per spedire gadget elettronici all'estero.

A partire dal prossimo 16 maggio, infatti, le poste statunitensi non consegneranno più al di fuori degli Stati Uniti gli apparecchi contenenti batterie al litio: ciò significa escludere dalle consegne tablet, smartphone, notebook, fotocamere, lettori MP3 e tutta una serie di altri dispositivi.

Sebbene lo USPS non abbia fornito spiegazioni precise circa il perché della decisione (rimandando i regolamenti dell'UPU e dell'ICAO), secondo il sito Fast Company - che per primo ha riportato la notizia - il problema è che le batterie al litio, se non conservate nella maniera corretta o completamente cariche, possono prendere fuoco.

Pare - riporta sempre Fast Company - che proprio le batterie siano la causa di almeno due incidenti aerei, verificatisi dopo il 2006, che hanno portato allo schianto degli aeroplani coinvolti e alla morte dell'equipaggio.

Il nuovo regolamento delle poste mette in difficoltà quanti hanno clienti al di fuori degli USA e quanti spediscono apparecchi elettronici ai propri cari arruolati nell'esercito, in aviazione, in marina o nei corpi diplomatici e che per qualche tempo vivono lontano da casa.

Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (3546 voti)
Leggi i commenti (18)

Costoro dovranno rivolgersi ai servizi privati di spedizione; ciò comporta però, oltre a un aumento sostanzioso della spesa (in qualche caso sino a quattro volte tanto) l'impossibilità di consegnare direttamente agli uffici postale delle forze armate e dei corpi diplomatici, rendendo necessario l'appoggio presso un civile che risieda nelle vicinanze del destinatario.

Uno spiraglio in questo scenario dovrebbe aprirsi a partire dal primo gennaio 2013, quando si potranno spedire «all'estero specifiche quantità di batterie al litio se le batterie saranno correttamente installate nei dispositivi elettronici che devono alimentare».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (5)


mda
Ma sono delle ditte e non dei comuni cittadini. Dunque risulta difficile che ci sia una bomba nascosta. :wink: Ciao
13-5-2012 23:09


Gladiator
Ma quelle che invece vanno da una città all'altra degli USA non possono esplodere? Non credo che nei trasporti interni non usino gli aerei... :?
13-5-2012 18:59

{ice}
è una mossa autolesionista per l'economia USA: i prodotti HiTech che gli USA esportano sono in realtà pordotti di estremo oriente. Domanda: perchè solo l'estero visto che la posta aerea viene usata anche per tratte nazionali? spedire ma non ricevere?!?!?! Se ci aggiungiamo la recente denuncia al WTO per il blocco della Cina a esportare... Leggi tutto
13-5-2012 14:18


mda
Le vogliono vietare, per quello che conosco, solo perchè un terrorista le potrebbe modificare come bombe (o nascondere una vera bomba) e non perchè sono pericolose di loro. Ciao
13-5-2012 13:52


Gummy Bear
le solite minchiate delle assicurazioni per non pagare gl'incidenti aerei. Ma la reazione dei produttori c'è già, tant'è che si sono già inventati lascappatoia. Tanto coi tempi che corrono il mercato HW è saturo un po' dappertutto, Asia compresa; e comunque lì se lo fanno su licenza e anche senza.
12-5-2012 19:09

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (314 voti)
Aprile 2014
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Apple brevetta l'SMS anti-urto
Tredicenne costruisce reattore nucleare nel garage di casa
Marzo 2014
Parolacce nel codice dei primi Word e MS-DOS
iPhone 6 a settembre in due versioni da 4,7 e 5,5 pollici
Word sotto attacco, non aprite quel .RTF
Tutti gli Arretrati

web metrics