Apple rinuncia a Google Maps su iOS

La prossima versione offrirà una soluzione sviluppata internamente con mappe tridimensionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2012]

Apple iOS 6 addio google maps

Alla prossima WWDC, in programma dall'11 al 15 giugno, Apple potrebbe annunciare un divorzio: quello tra l'iPhone e Google Maps.

Quando nel 2007 l'iPhone debuttò portava con sé l'integrazione con i servizi di Google Maps per fornire navigazione e indicazioni stradali.

Tuttavia, stando alle indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal, già nel 2009 e in occasione dell'apparizione di Android Apple iniziò a lavorare su una propria tecnologia per fornire un servizio di mappe in mobilità, e avviò una campagna di acquisizione di aziende esperte nel settore.

Ora tutti questi anni di sforzi sarebbero giunti al termine: iOS 6 dovrebbe contenere la soluzione sviluppata interamente all'ombra di Cupertino e segnare l'abbandono definitivo di Google Maps.

Tra le caratteristiche del software creato da Apple dovrebbe esserci - sono sempre le indiscrezioni a riferirlo - una visuale 3D attiva di default, frutto dell'acquisizione di C3 Technologies.

Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy è violata?
Sì, almeno potenzialmente.
No, è tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (2820 voti)
Leggi i commenti (3)

Tutta questa questione può sembrare secondaria soltanto se non si considerano gli introiti relativi alla pubblicità geolocalizzata e alla possibilità che l'abbandono di Maps riduca il volume di dati relativi alle ricerche effettuate per trovare negozi ed esercizi nelle vicinanze, che ora finiscono nei datacenter di Google e domani potrebbero finire in quelli di Apple.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Visto che oggi google(con samsung) sembrano gli unici a tener testa alla apple (è in qualche caso superarlo vedi il galaxy III) mi pare ovvio che vi sia una battaglia su tutti i fronti. Almeno gli utenti avranno sempre un servizio migliore.
7-6-2012 09:51

vero, credo anche io che questo rumour è estremamente probabile, e lo credono anche a google visto la conferenza organizzata "all'ultimo momento" su google maps :D
7-6-2012 09:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (895 voti)
Febbraio 2017
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Tutti gli Arretrati


web metrics