Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (867 voti)
Agosto 2015
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Fusione Wind e 3, diventa primo gestore in Italia (ma russo-cinese)
Windows 10: come aggiornare il PC senza aspettare
Catturare una regione dello schermo
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Tutti gli Arretrati

MasterCard e la carta prepagata con BitCoin

La moneta elettronica si starebbe preparando a fare il salto nel mondo reale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-09-2012]

bitcoin mastercard
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

BitInstant, società specializzata nel trasferimento di denaro tramite BitCoin (la moneta elettronica creata da Satoshi Nakamoto), sta lavorando al lancio di una carta di debito prepagata.

In Rete è già apparso un mockup, ossia una rappresentazione di quale sarà l'aspetto finale della carta, e la caratteristica che subito è balzata all'occhio è stata la presenza del logo di MasterCard.

MasterCard si è affrettata ad affermare la propria totale estraneità all'iniziativa di BitInstant: il logo, in realtà, sarebbe stato presente sul prototipo soltanto a titolo decorativo.

Tuttavia, a riportare la questione al centro dell'attenzione ha pensato un successivo comunicato di BitInstant, dal quale si apprende che dopotutto MasterCard non è completamente estranea allo sviluppo.

BitInstant ha fatto sapere di aver già contattato alcuni affiliati di MasterCard, e che si rivolgerà direttamente a quest'ultima quando i tempi saranno maturi proprio tramite questi partner.

Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (4716 voti)
Leggi i commenti (93)

A questo punto diventa lecito aspettarsi che prima o poi appaia davvero una carta prepagata con il logo di MasterCard e che permetta di adoperare i BitCoin, presumibilmente facendo piovere sull'invenzione di Nakamoto una notorietà decisamente maggiore rispetto a quella ottenuta sinora.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Quei messaggi nascosti nei Bitcoin
Bitcoin, la bolla sta per scoppiare?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Infatti è già stato scritto altrove. Non c'è nessun accordo diretto con la mastercard. Saranno 2/3 banche con cui avranno preso accordi che distribuiranno questa mastercard, e si prenderanno loro la responsabilità del tutto. Leggi tutto
4-9-2012 17:29

Sicuramente, l'intermediario che sta nel mezzo tra mastercard e l'entità che distribuisce le card, si guarderà bene nel far sapere da dove provengono i fondi.
4-9-2012 17:25

Il mio punto è: cosa potrebbe mai guadagnarci Mastercard? Mi puzza un po' questa storia, perché aiutare la concorrenza?
4-9-2012 15:10

Non ne farei un problema cosi idealista. Chi vuole potrà anche non usarla mai. Potrà come magari fa tutt'ora, non usare mai carte di credito. Chi vuole invece "facilmente" poter usare i propri Bitcoin per comprare dal "vecchio mercato". Potrà farlo. Rendere questi legami più facili, non può che rendere anche più... Leggi tutto
4-9-2012 13:48

Non capisco come i due sistemi possano coesistere... E non capisco perché dovrebbero. Idealmente bitcoin dovrebbe portare mastercard all'estinzione, non conviverci...
4-9-2012 10:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics