Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (821 voti)
Marzo 2015
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Tutti gli Arretrati

Armi da fuoco in vendita su Instagram

Il social network fotografico è usato anche per la compravendita di pistole, fucili e coltelli: un mercato vasto e inaspettatamente legale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2013]

instagram armi

Immortala e condividi i tuoi momenti più belli: il motto di Instagram rende piuttosto evidente l'intento con cui questo servizio è stato creato.

Di pari passo con il suo successo, però, è cresciuto anche l'abuso da parte degli utenti: non stiamo parlando della condivisione compulsiva di immagini insignificanti - che può essere fastidiosa, ma è innocua - ma dell'utilizzo di Instagram per la compravendita di merci pericolose.

A sollevare il velo su questa realtà è stato un articolo su The Daily Beast, nel quale si descrive come il social network in questione venga adoperato anche per vendere armi, e non solo.

Chi ha una pistola, un fucile o un coltello da vendere non deve fare altro che pubblicare la foto, annunciare la propria intenzione e aspettare le offerte.

Le regole di Instagram non lo vietano e, nel caso degli Stati Uniti, non ci sono leggi federali che blocchino questo tipo di mercato online (salvo i casi in cui le armi siano illegali in sé, perché rubate, usate in atti criminosi o fuorilegge, o che a chi acquista non sia vietato possedere armi), occasionale e tra privati; chi compra e chi vende non devono quindi fare altro che accertarsi di rispettare le leggi dei rispettivi Stati, e i controlli su Instagram non son particolarmente stringenti, anzi.

Sondaggio
Qual è il sito di acquisti online che frequenti di più?
Amazon - 50.8%
Buy Vip - 1.2%
eBay - 33.6%
Groupalia - 0.8%
Groupon - 4.2%
Kelkoo - 2.9%
Privalia - 2.0%
Subito - 3.6%
Triboo - 0.8%
  Voti totali: 1323
 
Leggi i commenti (12)

In realtà il fenomeno è anche più ampio: lo stesso commercio si svolge anche su Facebook e Twitter. Per arginarlo, altri siti - come per esempio Craiglist - vietano esplicitamente la compravendita di armi da fuoco; su Instagram questo non succede, probabilmente perché chi l'ha creato non pensava che potesse venir piegato a questo scopo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Chiude Black Market Reloaded, sito concorrente di Silk Road
Chiuso Silk Road, l'Amazon della droga
Pistola da stampante 3D, Kim Dotcom ritira i progetti
Il fucile di precisione con Linux
Ordina una TV, Amazon gli manda un fucile

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics