Nasa: ossigeno da Marte e acqua dalla Luna

Due missioni permetteranno di ricavare le risorse indispensabili direttamente dai corpi celesti, rendendo possibili le colonie interplanetarie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2014]

nasa concept rover

Viaggiare nello spazio richiede, tra le altre cose, una buona scorta di provviste; tra queste, aria respirabile e acqua sono tra le più importanti.

È chiaro che dover caricare un veicolo spaziale con queste provviste limita non solo la distanza raggiungibile, ma anche la possibilità di portare con sé materiale di altro tipo (computer, attrezzature per esperimenti e via di seguito).

Per questi motivi la NASA sta studiando la possibilità di utilizzare le risorse già presenti sui corpi celesti, in un programma chiamato IRSU (In-situ resource utilization, ossia per l'appunto Utilizzo delle risorse presenti sul posto).

Sono due i progetti su cui l'ente spaziale americano sta lavorando. Il primo, chiamato Resource Prospector, comporta l'invio sulla Luna di un rover allo scopo di cercare idrogeno nel terreno.

La presenza di idrogeno fungerebbe da "segnale" per sottoporre quel terreno a ulteriori processi, nel tentativo di estrarne vapore acqueo e, di conseguenza, acqua.

Sondaggio
Secondo te quale diventerà realtà per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietà degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirà le password: conoscerà le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identità.
Smart City: le città faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1049 voti)
Leggi i commenti (11)

«Molte di queste tecnologie hanno campi d'impiego più ampi rispetto a quello lunare. È solo che la Luna è un ottimo posto per testare la tecnologia ISRU» ha spiegato il direttore della sezione Advanced Exploration Systems della NASA, Jason Crusan.

L'inizio di questa missione è fissato per il 2018: la speranza è di trovare risorse sufficienti per trasformare completamente le prossime missioni verso il nostro satellite.

Due anni dopo, nel 2020, la nasa invierà un nuovo rover su Marte. Il suo scopo sarà catturare CO2 dall'atmosfera, ripulendola dalla polvere, o ottenere l'ossigeno.

Il successo di questo tentativo aprirebbe la strada per una missione su Marte con equipaggio umano e magari, un giorno, per la prima colonia interplanetaria.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
C'è vita su Marte, la Nasa avrebbe nascosto le prove
Nasa: "Sulla Luna cresceranno basilico e girasoli"
India, missione Marte low cost
Il progetto di colonia sotterranea su Marte
NASA, una sonda per studiare l'atmosfera della Luna

Commenti all'articolo (1)


{barbarians}
Volevo essere un grande mago...
7-2-2014 15:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1621 voti)
Luglio 2017
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Gli autovelox non possono rilevare i veicoli della corsia opposta
TIM chiude il data center di Bari
Addio, Windows Phone 8.1
Usare il font sbagliato può costare il posto. O mandare in carcere
Nascosto ma non troppo: la minaccia occulta della steganografia
Come riconoscere una foto falsa
Buran: gli Shuttle sovietici ripresi di nascosto
Autovelox, via tutte le segnalazioni e gli avvisi
Cosa devono fare gli utenti al più presto
Autovelox, 16 cose che è bene sapere
Wikileaks: così la Cia violava Linux
Tutti gli Arretrati


web metrics