Google traccia gli utenti anche offline

Tramite il servizio Attribution anche gli acquisti che facciamo in negozio finiscono nel database di Google



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-05-2017]

google

La notizia secondo la quale Google traccia ogni attività compiuta online dai suoi utenti - e in generale da quanti navigano nel web passando per i suoi servizi, AdSense compreso - non dovrebbe stupire più nessuno.

Più sorprendente è apprendere come ora si sia giunti al passo successivo: tracciare anche gli utenti offline, un'idea che da tempo appassiona anche Facebook.

Con un lungo e dettagliato post sul blog ufficiale di AdWords, Google ha allegramente annunciato il debutto di Google Attribution, un sistema in grado di seguire gli utenti offline per capire se i banner pubblicitari funzionino.

Di norma, infatti, un utente che vede un prodotto interessante, reclamizzato in un banner mentre naviga nel web, non procede immediatamente all'acquisto.

Magari clicca sullo spot, ma rimanda il momento vero e proprio in cui effettuerà la spesa, generalmente per fare ulteriori ricerche e informarsi meglio sul prodotto.

In questo modo, però, anche se la vendita avviene non c'è modo di avere la certezza che essa sia accaduta perché la pubblicità ha funzionato: il momento della visualizzazione dello spot (e dell'eventuale clic) e quello dell'acquisto sono separati, soprattutto se poi quest'ultimo avviene non via Internet, ma in un negozio tradizionale.

Tutto ciò cambia con Google Attribution, un sistema in grado di seguire gli utenti anche nei negozi "fisici".

Si basa sull'enorme quantità di dati che Google è in grado di raccogliere e sui servizi offerti dai sistemi di apprendimento automatico (o machine learning) per metterli in relazione, più un certo contributo da parte dei negozianti.

Sondaggio
Hai una carta fedeltà o di raccolta punti?
Ebbene sì, ne ho diverse. E non ci trovo niente di male.
Mi sono lasciato infinocchiare. Ne ho qualcuna e mi vergogno un po'.
Lungi da me!

Mostra i risultati (2186 voti)
Leggi i commenti (16)

Secondo le ricerche di Google, oltre 5 miliardi di persone nel mondo visitano i negozi, e chi clicca sui banner è più propenso ad acquistare qualcosa da un negozio fisico. Per un gigante che vive di pubblicità, è essenziale trasformare tale attività in qualcosa di remunerativo.

Per riuscire a tracciare queste persone abituate a fare acquisti offline, Attribution si appoggia pesantemente ai sistemi di pagamento elettronico, che com'è noto permettono di tracciare gli acquisti stessi (e di conseguenza le persone che li fanno). Il sistema di Google negli Stati Uniti riesce infatti a seguire il 70% delle transazioni che avvengono con carta di credito o di debito.

Per migliorare ulteriormente la profilazione, il gigante di Mountain View chiede poi l'aiuto dei negozianti: «Se raccogliete le informazioni sulle email per una tessera fedeltà, potete importare le transazioni avvenute nel negozio in AdWords direttamente o attraverso terze parti».

Grazie a questi sistemi - e alla diffusione sempre maggiore dei sistemi di pagamento elettronico, favoriti oltretutto dai governi con la motivazione della lotta all'evasione fiscale - Google riesce in mano dati sempre più precise sulle nostre abitudini d'acquisto e, di conseguenza, può avere un nostro profilo ancora più accurato.

Niente paura, però (o così dicono a Mountain View). In entrambi i casi, infatti, «le transazioni vengono associate alle pubblicità di Google in un modo sicuro e rispettoso della privacy, e si creano rapporti basati unicamente su dati di vendita aggregati e anonimizzati, al fine di proteggere le informazioni degli utenti». Seguiti dappertutto, insomma, ma col massimo rispetto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google Maps permette di farsi pedinare
Facebook traccerà gli utenti quando entreranno nei negozi degli inserzionisti

Commenti all'articolo (5)

Se non ci fossero coloro che evadono le tasse e che riciclano il denaro proveniente da illeciti e reati sarei anch'io contrario all'obbligatorietà del pagamento con mezzi elettronici che, comunque, di fatto in Italia non c'è. Purtroppo però dobbiamo riflettere sul fatto che, in tutto il mondo, ed in Italia, per certi versi, di più, la... Leggi tutto
10-6-2017 16:12

{arroyo}
C'è un'altra perversione, a cui non avete pensato, e cioè che dopo averti obbligato ad avere un conto corrente, con relative spese (roba da matti, se ci pensiamo bene...) da aggiungere a quelle per la carta di credito, se ci metti troppi soldi rischi anche di rimetterceli per un eventuale bail.in. Belin, che razza... Leggi tutto
27-5-2017 21:04

{filippo}
@ colemar, non ho niente in contrario al pagamento elettronico, a parte il fatto non indifferente che così come concepito è un segnale di totalitarismo, cioè ingerenza dei governi nella libertà individuale dei cittadini, non importa per quale motivo; c'è sempre un motivo per qualunque cosa,... Leggi tutto
26-5-2017 23:01

Il pagamento elettronico è sempre più necessario, sia per convenienza del consumatore, che per contrastare l'economia criminale, e anche per prevenire l'evasione fiscale. Il governo ha ragione a tentare di renderlo obbligatorio, però dovrebbe anche imporre uno stretto perimetro entro cui le banche devono muoversi per evitare abusi. Le... Leggi tutto
26-5-2017 14:55

{filippo}
Tragicomica questa faccenda, e purtroppo anche prevedibile. Quanto ai governi, che obbligano gli utenti a pagare con carte di credito, a parte l'aspetto totalitario implicito, e preoccupante, c'è la questione che nessun governo dovrebbe permettersi di obbligare i cittadini a pagare terzi per avere un un bene o un... Leggi tutto
25-5-2017 17:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (1960 voti)
Agosto 2017
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Tutti gli Arretrati


web metrics