A YouTube non piacciono più gli pseudonimi

Il portale invita con insistenza gli utenti a utilizzare il nome vero, ovviamente pescandolo da Google+.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2012]

youtube nomevero 01

YouTube ha iniziato una piccola guerra di logoramento contro i nickname dei propri utenti, cercando di convincerli a utilizzare soltanto il proprio nome reale (pescato, ovviamente, da Google+).

Molti iscritti al portale, infatti, hanno notato che all'atto di inserire un commento il sito presenta una finestra che presenta l'inequivocabile invito «Inizia a utilizzare il tuo nome completo su YouTube», fornendo un collegamento all'account Google+. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1992 voti)
Leggi i commenti (15)
Il passaggio dal nickname al nome non è obbligatorio; se però si rifiuta appare una seconda finestra che chiede «Sei sicuro?» e, se proprio si è convinti, viene anche richiesto di fornire una spiegazione per la passione così ardente per l'anonimato di cui si sta dando prova.

A quanto pare (come spiega Betabeat), l'opzione viene offerta sin dal 29 giugno agli utenti di YouTube titolari anche di un account Google+, ma ora sta iniziando a presentarsi a una ventaglio più ampio di persone.

La spiegazione per tale comportamento va ricercata con ogni probabilità all'interno dei contenuti dei commenti: un rapido giro tra i video mostra come YouTube si possa per buona parte definire come il regno dei troll e degli insulti.

youtube nomevero 02

Conscio di questo problema Dror Shimshowitz, uno dei dirigenti di YouTube, alla scorsa Google I/O Conference aveva spiegato che l'azienda stava lavorando a un rimedio; a quanto pare ora possiamo toccarlo con mano.

Difficilmente il portale si spingerà oltre, abolendo del tutto la possibilità di postare commenti in modo completamente anonimo; tuttavia la sua preferenza per i nomi reali è più che evidente, nella speranza che - dovendo "metterci la faccia" - gli utenti diventino più educati e rispettosi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
USA, diritto all'anonimato anche per chi condivide file

Commenti all'articolo (2)

utonto_medio ha scritto: Non sono completamente d'accordo. Se uno è pirla è pirla sempre, indipendentemente dal fatto che scriva sotto pseudonimo o no, anche se al pirla piace non esporsi direttamente. E' solo un fatto di pura e semplice educazione, si può dissentire da chi ha espresso il proprio commento prima del proprio, tuttavia,... Leggi tutto
27-7-2012 09:41

in effetti il wild world web (come scrisse qualcuno) sarebbe meno wild se uno dovesse metterci la faccia...
26-7-2012 19:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (955 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics