Arrivano i primi dati Audiweb

Dopo una partita durata cinque anni la società di rilevazione dell'audience di Internet segna il primo goal.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2003]

Ecco i nomi ai vertici della classifica relativa a maggio 2003: il dominio più visitato è Virgilio.it, portale del Gruppo Seat Pagine Gialle che totalizza 7 milioni e mezzo di visitatori unici da casa-lavoro (5.685.000 da casa) seguito da Libero.it che ne raggiunge 6.933.000 sempre da casa-lavoro (5.563.000 da casa).

Seguono Google.it (5.460.000), Microsoft.com (4.630.000), Tiscali.it (4.181.000) e Yahoo.it (2.962.000). I dati tengono conto sia del contatto da casa sia di quello dal lavoro. Nel sito di Audiweb c'è tutta la classifica. Ovviamente nella lista sono presenti tutte quelle aziende che hanno aderito e decidendo di sottoporre il loro sito a questo tipo di indagine.

Ricordiamo che il sistema di dati Audiweb è costituito da due tipi di misurazione: la prima e più impegnativa è volta a monitorare un panel. Per panel si intende un certo numero di individui che costituisce un campione rappresentativo della popolazione italiana che si collega alla Rete (sia da casa sia da lavoro). Questo numero di individui è sottoposto per un certo periodo a un'indagine continuativa (principalmente interviste telefoniche). In questo modo si analizzano le modalità di collegamento e i cambiamenti di tendenza - ove essi si verificassero - nell'utilizzo o nell'approccio al mezzo (in questo caso Internet).

La seconda misurazione invece è più semplice e porta nella diffusione di dati relativi alla navigazione, come per esempio le pagine viste, il numero di contatti che un sito ha avuto.

La diffvulgazione dei dati avverrà anche nei mesi successivi: grazie alla rilevazione Audiweb, potrà finalmente decollare un nuovo mezzo pubblicitario che finora non è stato utilizzato nel pieno della sua potenzialità. E' solo tramite un'approfondita conoscenza del consumatore, delle sue abitudini e dei suoi comportamenti infatti, che si può pensare di costruire una comunicazione efficace.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1861 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics