ONU, la detenzione di Julian Assange è illegale

Ma rischia ugualmente di essere arrestato ed estradato in Svezia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-02-2016]

assange detenzione illegale

Dal giugno del 2012 Julian Assange, fondatore di Wikileaks, vive presso l'ambasciata dell'Ecuador a Londra, senza mai uscirne.

Su di lui pende infatti un mandato di arresto per un'accusa di stupro formulata dalla giustizia svedese: se mettesse piedi fuori dall'ambasciata verrebbe subito arrestato ed estradato in Svezia.

Assange, che si è sempre dichiarato innocente, sostiene di non aver paura di affrontare un processo per quell'accusa. Se ha chiesto asilo politico è perché teme che, una volta estradato in Svezia, gli Stati Uniti chiedano e ottengano un'ulteriore estradizione, allo scopo di processarlo per le rivelazioni di Wikileaks.

Così sono ormai quattro anni che Assange resta rinchiuso nell'edificio dell'ambasciata e, in questo periodo, ha tentato di risolvere la situazione rivolgendosi all'ONU, sostenendo che la sua permanenza obbligata in ambasciata sia in sostanza una forma di detenzione illegale.

L'ONU ha riunito un gruppo di lavoro per analizzare la questione, e questa mattina la decisione - anticipata ufficiosamente nei giorni scorsi - è stata resa pubblica.

La commissione delle Nazioni Unite ha sposato la tesi di Assange e confermato che il tempo trascorso nell'ambasciata è equiparabile a un periodo di detenzione, impostagli oltretutto illegalmente in quanto non c'è ancora stato un processo.

Gli avvocati Assange hanno già provveduto a far sapere che chiederanno il ritiro delle accuse avanzate dai magistrati svedesi, anche perché il loro assistito a questo punto ha già, almeno dal punto di vista formale, trascorso un certo periodo senza poter godere della propria libertà.

Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (1863 voti)
Leggi i commenti (36)

A tutto questo c'è da aggiungere un'ulteriore questione, ossia quella della salute di Assange.

Da tempo il fondatore di Wikileaks ha fatto sapere di essere malato e di non potersi curare al meglio proprio perché costretto a rintanarsi nell'ambasciata ecuadoriana. Tra le altre cose, avrebbe bisogno di una risonanza magnetica, ma le autorità del Regno Unito si sono rifiutate di rilasciargli un salvacondotto per l'ospedale.

Ieri la madre di Assange ha anche rilasciato un appello in proposito: «Il suo corpo» - ha dichiarato a ABC Radio - «sta crollando al punto che ora ha problemi di cuore, un'infezione polmonare cronica e un forte dolore alla spalla».

Nonostante tutto ciò, e considerato il fatto che l'opinione del gruppo di lavoro dell'ONU non è legalmente vincolante, è improbabile che Julian Assange possa lasciare presto la sua "prigione": un portavoce del primo ministro Cameron ha fatto sapere che il Regno Unito ha «l'obbligo legale di estradare in Svezia il signor Assange», e che questi sarà arrestato immediatamente qualora dovesse mettere piede fuori dall'ambasciata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Julian Assange rinuncia all'incarico di direttore di Wikileaks
Assange: Internet è il nemico che ci spia
Julian Assange nei Simpson
Assange: Facebook vi spia per conto del governo
L'autobiografia di Julian Assange vale 1,2 milioni di euro
Amazon spegne Wikileaks, che migra ancora
Julian Assange nuovamente accusato di stupro

Commenti all'articolo (4)

Per quello che servono l'ONU, i suoi gruppi di lavoro e le sue decisioni e risoluzioni che vengono ascoltate e rispettate solo quando fanno comodo a certe nazioni ed a certi gruppi di potere... :umpf:
7-2-2016 16:07

Infatti nulla di più pericoloso è visto dal potere quanto ciò che disturba il sonno del popolo bue. Leggi tutto
7-2-2016 11:50

Il fatto è che in Svezia e altri "nordici" la gente si annoia... da morire. Tant'è che i suicidi sono moltissimi. Da noi invece la gente è impegnata a mettere insieme il pranzo con la cena, e perciò non ha tempo per gl'intorcinamenti psicoesistenziali. Quanto ad Assange, in galera ci si è messo da solo; solo gli va talmente di... Leggi tutto
6-2-2016 14:37

{Laquinta}
Questa faccenda di Assange è riconoscibile come una disgustosa punizione dei poteri forti (e vigliacchi) per qualcuno che ha permesso alle pecore di vedere confusamente i pastori in azione. Quanto alla svezia, quando ero giovane ero vittima del mito dei paesi nordici civilissimi, mentre ora il mito è evaporato e vedo solo... Leggi tutto
5-2-2016 17:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1927 voti)
Ottobre 2019
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics