La Sanità che ci spia

In discussione al Parlamento la creazione di un'unica banca dati su tutta la vita sanitaria dei cittadini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-10-2003]

Tra qualche giorno al Senato inizierà la discussione sul Decreto Legge 269, che prevede all'art.50 la creazione di una "apposita tessera" per tutti i cittadini, che verranno inseriti in una banca dati centralizzata.

In questa banca dati verrano conservati tutti i dati relativi ai farmaci prescritti e alle prestazioni specialistiche ottenuta: sarebbe una banca dati unica al mondo da cui si potrebbe ricostruire la storia sanitaria di ognuno di noi, con gravi rischi per la privacy. Una banca dati contenente tutte le prescrizioni di medicinali con indicazione del nome delle persone può creare un sistema sociale di controllo, al quale ci si potrebbe sotrarre solo comprando con i propri soldi le medicine, senza ricorrere al Servizio Sanitario Nazionale.

E' una discussione ancora tutta aperta, sulla quale le forze politiche, i singoli parlamentari, la società civile con le sue associazioni sindacali e dei consumatori deve esprimersi, sapendo che gli interessi in gioco sono enormi: chi fabbricherà i milioni di "tessere elettroniche", chi appronterà e gestirà i collegamenti in rete tra farmacie, presidi sanitari e banca dati, gestirà un business miliardario.

Il rischio di un Sirchia, l'attuale Ministro della Salute, che diventa un Grande Fratello, e di promuovere discriminazioni sul piano del lavoro, delle assicurazioni, della vita sociale è molto forte. La creazione di una "cartella sanitaria" personale per ognuno di noi, con la nostra "anamnesi" personale (la storia delle nostre malattie) non può e non deve comportare, obbligatoriamente, l'istituzione di una mostruosa banca dati sanitaria.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

superpippo
la sanità spesso è un colabrodo Leggi tutto
7-12-2003 01:12

Andrea
Sono stato contattato per aderire al servizio Leggi tutto
23-10-2003 12:32

Marco Cucinato
Non esageriamo Leggi tutto
20-10-2003 10:48

Giorgio
Tutto dipende da chi può accedere alla banca Leggi tutto
20-10-2003 09:34

Francesco
MEGLIO COSI'..... Leggi tutto
19-10-2003 11:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (691 voti)
Giugno 2019
Bill Gates confessa il suo errore più grande
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Tutti gli Arretrati


web metrics