Poste Italiane, un'altra ''tegola'' per Caio

Sospese le trattative per il rinnovo del contratto di lavoro per le pregiudiziali avanzate dal top management.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-03-2017]

caio

Tensioni su tensioni intorno a Poste Italiane e alla sua attuale dirigenza. Privatizzazione in forse; servizio di consegna corrispondenza saltato in molti degli 8.000 Comuni italiani; l'amministratore delegato Francesco Caio in bilico; infine banco per aria sulla chiusura del contratto sindacale che sembrava cosa fatta e che all'ultimo momento è saltato per ragioni, secondo il sindacato, pretestuose avanzate dal top management.

"La gestione dell'attuale AD di Poste Italiane Francesco Caio è stata caratterizzata da un rapporto quasi inesistente con le controparti sociali" - ha dichiarato a Zeus News Luca Burgalassi, segretario del sindacato SLP-CISL - "Nei tre anni di mandato la tensione sindacale all'interno dell'azienda è andata via via aumentando, fino a sfociare nello sciopero generale del 4 novembre scorso, il primo dopo oltre 10 anni di pace sociale. Uno sciopero indetto dai principali sindacati di categoria sia contro il progetto di ulteriore privatizzazione dell'azienda, sia contro il piano di riorganizzazione del servizio postale a giorni alterni".

Inevitabilmente uno dei punti più dolenti è il deterioramento delle relazioni sindacali, con la indisponibilità al confronto da parte del top management.

Sondaggio
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?
Innovazione: faranno risparmiare petrolio e calare l'inquinamento.
Ecobufala: costano di più e per l'ambiente non cambia niente.

Mostra i risultati (2741 voti)
Leggi i commenti (20)

"Anche il pessimo clima che si respira tra i lavoratori degli uffici postali, oggetto di continue pressioni commerciali dovute alla finanziarizzazione dei servizi offerti, era stato motivo della protesta sindacale" - ha precisato il segretario di SLP-CISL - "Nei mesi scorsi tuttavia azienda e sindacati avevano convenuto di rinnovare il contratto di lavoro agli oltre 140.000 lavoratori del gruppo prima del termine del mandato di Caio".

"A trattativa in dirittura d'arrivo" - ha concluso Luca Burgalassi - "l'azienda ha posto una pregiudiziale sull'inquadramento del personale, un tema assai delicato e complesso che riguarda molte migliaia di lavoratori e che non può essere affrontato in poche ore. Risultato? Trattativa a gambe per aria con rinvio a data successiva alle ormai prossime nomine che il governo assumerà per le aziende pubbliche. Una condizione che non fa bene ai lavoratori e non giova a Poste Italiane".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (1760 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics