A Vodafone scioperano contro l'outsourcing

I sindacati proclamano lo stato di agitazione; presto i lavoratori scenderanno in sciopero contro il progetto di esternalizzare i call center con i dipendenti. Vodafone replica: non ci saranno licenziamenti né variazioni nelle condizioni di lavoro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-09-2007]

Foto scattata a Bologna

Ormai è ufficiale: Vodafone ha comunicato formalmente alle rappresentanze sindacali di Cgil, Cisl e Uil il proprio progetto di esternalizzare i propri call center per l'assistenza clienti (ossia il 190), compresi gli operatori che lì lavorano. Si tratta dei call center di Ivrea, Milano, Padova, Roma e Napoli, che impiegano alcune centinaia di operatori e che verrebbero ceduti al Gruppo Comdata.

In seguito a questa comunicazione, i sindacati confederali del settore hanno proclamato lo stato di agitazione, dando all'azienda il preavviso di 10 giorni previsto dalla legge sugli scioperi nei servizi pubblici per la proclamazione dello sciopero.

Lo sciopero di tutto il gruppo Vodafone verrà probabilmente proclamato nel coordinamento delle RSU (le rappresentanze sindacali unitarie) che si riunirà il 25 settembre a Roma. Il sindacato chiede agli operatori di applicare rigidamente tutte le procedure previste.

Questa vicenda dell'esternalizzazione di una parte importante dell'attività di Vodafone viene a cadere all'interno di un momento di forte fibrillazione all'interno della maggioranza di governo, di cui fa parte Rifondazione Comunista che ha presentato un progetto di legge per limitare fortemente la possibilità per le aziende di cedere rami interni con i relativi lavoratori.

E' facile pensare che Rifondazione premerà sui ministri Damiano e Bersani perché fermino il progetto di Vodafone. Inoltre, in questo momento si stanno tenendo le assemblee per l'approvazione dell'accordo per il metà contratto delle Telco, che, in seguito a queste notizie, potrebbe essere bocciato dalla base.

Vodafone intanto, pur ammettendo di aver ricevuto un'offerta da parte di Comdata, smentisce che si tratti di una cessione, ma preferisce chiamarla "acquisizione di parte delle attivita' del customer care", ovvero i processi amministrativi a supporto della gestione del cliente e l'attivita' di gestione del rischio di credito.

Secondo l'operatore rosso, si tratterebbe "solo" di una collaborazione strategica a lungo termine, senza alcun piano di drastica riduzione del personale. Un portavoce di Vodafone ha dichiarato a Zeus News che "Non c'e' alcun dubbio sulla centralita' presente e futura dell'Italia. Anzi, il nostro piano strategico e' tutto orientato allo sviluppo e sostenuto da un ambizioso piano di investimenti".

Un'altra rassicurazione: "I dipendenti interessati manterranno condizioni stabili di lavoro: ovvero manterranno il contratto Tlc e i trattamenti economici e normativi attuali. Inoltre le cinque sedi di lavoro, Milano, Ivrea, Padova, Roma, Napoli e non subiranno alcuna modifica".

Nei prossimi giorni vedremo se i dipendenti di Vodafone si lasceranno convincere da queste buone parole, o se gli scioperi annunciati verranno confermati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

Scioperate?!! Ma dovreste essere orgosliosi di appartenere da domani ad un'azienda "Made in Italy"
22-9-2007 21:45

Da domani mattina la sede Vodafone di Pozzuoli (Na)e` in Sciopero. Gia` da stanotte ci saranno manifestazioni e fiaccolate contro le esternalizzazioni e a favore di tutti i lavoratori a tempo indeterminato e NON. Ci aspettiamo la massima adesione. Buonasera a tuti
20-9-2007 19:49

{flavio armarolo}
Non solo dipendenti Leggi tutto
18-9-2007 22:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli ultimi 12 mesi hai danneggiato accidentalmente un oggetto tecnologico portatile? (per esempio smartphone, fotocamera, notebook, tablet, ebook reader)
Sì, mi è caduto a terra.
Sì, mi è caduto in acqua (o ci ho versato dei liquidi).
Sì, ci ho lasciato giocare un bambino.
Sì, mi ci sono seduto sopra.
Sì, mentre lo lanciavo a un amico (o sulla scrivania).
No.

Mostra i risultati (2147 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics