HP annuncia: Web OS sarà open source

L'azienda dona il sistema alla comunità e fa progetti per nuovi tablet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-12-2011]

hp webos touchpad

La strategia del CEO di HP Meg Whitman, introdotta da un deciso cambio di rotta rispetto a quella impostata predecessore Léo Apotheker, prosegue cercando di salvare quanto rimane dell'avventura nel mondo dei tablet intrapresa dall'azienda.

L'ultima mossa è la decisione di rendere open source WebOS, il sistema operativo ereditato da Palm e adottato dai TouchPad, secondo modalità e licenze che ancora non sono state rivelate.

Non ci sarà dunque alcuna cessione, ma anzi HP ha intenzione di creare una startup tramite la quale continuera a occuparsi dello sviluppo del sistema, secondo un modello per certi versi analogo a quello scelto da Google per Android. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale metodo utilizzi nell'apprendere un linguaggio di programmazione?
Corsi tradizionali in aula.
Internet e corsi online.
Libri e manuali.
Altro.
Non programmo.

Mostra i risultati (2242 voti)
Leggi i commenti (15)
Così facendo, Meg Whitman ha delineato la strada per i prossimi mesi: se la comunità accoglierà WebOS e gli garantirà un futuro, l'azienda aumenterà gli investimenti e tenterà di trasformarlo in un concorrente serio per gli attuali protagonisti del mercato nonostante il ritardo con cui HP è costretta a muoversi.

Se invece l'interesse per WebOS non decollerà, HP non dovrà fare altro che smantellare la piccola società creata per lo sviluppo e lasciare che il progetto muoia.

In questa linea rientrano dunque anche gli annunci che riguardano l'hardware dei prossimi mesi: la Whitman, insieme a Marc Andreessen (che fa parte del Consiglio di Ammninistrazione), ha fatto sapere che l'azienda «esplorerà la possibilità di installare WebOS sui propri dispositivi», e che se tutto andrà bene nel 2013 i tablet con WebOS potrebbero tornare sul mercato. Il 2012 servirà dunque a decidere che cosa fare del sistema ereditato da Palm.

Nel frattempo, naturalmente, HP non resterà con le mani in mano. Il prossimo anno si concentrerà sulla produzione di tablet con Windows 8, il che le permetterà di restare comunque sul mercato qualora le cose andassero male per WebOS.

Gli analisti restano comunque scettici sul successo di questa mossa, ritenendo che sia estremamente difficile mutare la situazione attuale, dove iOS e Android dominano e i concorrenti già esistenti faticano a trovare spazio. L'ultima parola spetterà dunque agli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
WebOS rivive con LuneOS
Da LG una smart Tv con webOS
HP svende webOS a LG

Commenti all'articolo (1)

Dunque, per prima cosa non è vero che è Open-source ma è solo un ipotesi. La HP si dimostra ancora una volta una ditta confusa. Questo non è bene, anzi malissimo per gli azionisti e i clienti. Sospetto che altre ditte concorrenti abbiano piazzato come dirigenti HP per sabotarla o succhiarla! I dispositivi dotati di Windows 8 devono... Leggi tutto
14-12-2011 00:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1129 voti)
Luglio 2016
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Tutti gli Arretrati


web metrics