Il partito pirata del Canton Ticino

Anche nella Svizzera italiana nasce il Partito dei Pirati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2012]

Dopo la Svizzera tedesca, fortemente influenzata dalla politica tedesca, anche nella vicina Svizzera italiana nasce il Partito dei Pirati.

Sabato 28 aprile a Lugano gli aderenti e simpatizzanti del Partito Pirata Svizzero si sono riuniti allo scopo di costituire il Partito Pirata del Ticino, la sezione cantonale del PPS.

Il Partito Pirata è un movimento politico internazionale, sviluppatosi nel 2006, con lo scopo di rafforzare i diritti civili, favorire maggiori istituti di democrazia diretta e partecipativa, riformare il diritto d'autore e dei brevetti, garantire la libertà di circolazione della conoscenza, rafforzare la protezione dei dati personali, ottenere maggiore trasparenza e libertà d'espressione e promuovere l'educazione gratuita.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Il Partito ticinese dei Pirati si propone "non tanto quanto opposizione ma quale alternativa al panorama politico locale. Si è infatti sempre più convinti che il dibattito politico, in una società moderna come la nostra, debba essere affrontato da un nuovo e differente punto di vista e non possa più essere sostenuto secondo canoni ormai vetusti e superati".

Prosegue il manifesto dei pirati ticinesi: "Progresso, nuove tecnologie, sviluppo ed evoluzione sono realtà e fanno parte del nostro vivere quotidiano; non possono più quindi essere ignorate e relegate in secondo piano anzi, dovranno fungere da punto di partenza per un differente approccio ai problemi e alle sfide di oggi e di domani".

Il partito pirata ticinese ha deciso di utilizzare LiquidFeedback, il sistema che ricrea un'assemblea virtuale e che diventerà la piattaforma decisionale del partito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
La città col sindaco pirata

Commenti all'articolo (4)

OOPSS!! Mi era sfuggito.. [-o<
2-5-2012 18:08

Chi l'ha detto che non si fa? www.zeusnews.it/zn/16177
2-5-2012 18:05

Ma in Italia non si fa: (1) perche' siamo troppo onesti oppure (2) perche' non sappiamo usare internet?
2-5-2012 17:27

{Carlo}
Quanti erano? C'era anche il prode Bernasconi?
2-5-2012 12:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (1661 voti)
Febbraio 2017
Se la spia del computer fa la spia
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Tutti gli Arretrati


web metrics