Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


La dichiarazione della libertà di Internet

Espressione, accesso, apertura, innovazione e privacy: cinque principi che dovrebbero guidare ogni decisione sul web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2012]

declaration of internet freedom
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

«Crediamo che un'Internet libera e aperta possa portare a un mondo migliore»: comincia così il preambolo alla Declaration of Internet Freedom, la Dichiarazione della Libertà di Internet.

Già firmata da individui e organizzazioni (dalla Electronic Frontier Foundation a Free Press, da Mozilla a Reporters Without Borders), ma pronta a essere sottoscritta da chiunque ne sostenga gli ideali, è una dichiarazione di intenti contro i ripetuti tentativi che da più parti emergono di bloccare la libertà di espressione in Rete, ma non solo.

I principi base sono infatti cinque: espressione, accesso, apertura, innovazione e privacy.

Coloro che li sostengono sono quanti si sono impegnati a combattere proposte di legge nefaste come l'americana SOPA, e ciò che li spinge è la preoccupazione che altri tentativi di censura sorgano nel prossimo futuro.

Così hanno deciso di far debuttare pubblicamente una dichiarazione che sia semplice e chiara, e stabilisca come «Internet è nostra: appartiene al pubblico, e agli individui», non a qualche azienda o governo. L'intento, ora, è di ottenere in risposta le opinioni di quanti usano la Rete quotidianamente.

Sondaggio
In Germania e in altre nazioni europee il Partito Pirata guadagna consensi, mentre in Italia resta al palo ma spopolano Beppe Grillo e il suo Movimento Cinque Stelle. Sono due movimenti antagonisti e incompatibili?
Sì. In Italia il PP non sfonderà perché i suoi votanti sono già attratti dal M5S. - 52.4%
No. Presto vedremo crescere anche il PP, che meglio può rappresentare gli interessi degli internauti. - 31.4%
Non saprei. - 16.2%
  Voti totali: 1626
 
Leggi i commenti (11)

Per ampliare la partecipazione, sono state aperte diverse iniziative tramite le quali discutere circa la Dichiarazione, come il subreddit relativo su Reddit, cosicché i frequentatori di Internet possano far sentire la propria voce a quanti vogliono dettare legge sulla Rete, in particolar modo al Congresso degli Stati Uniti.

«La Dichiarazione è semplice» scrive la EFF. «Offre cinque principi base che dovrebbero guidare ogni politica su Internet. Crediamo che valga la pena combattere per questi principi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)

Roberto1960
Chiara, concisa, essenziale ma anche efficace ed esaustiva. Una Dichiarazione Universale in piena regola. Ovviamente l'ho sottoscritta anch'io.
6-7-2012 09:29


Zievatron
L'ho sottoscritta. :wink:
5-7-2012 19:54


Gladiator
Sottoscrivo in pieno!
5-7-2012 19:30

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3006 voti)
Aprile 2014
Addio al gesso, arriva il guanto 3D per le fratture
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Tutti gli Arretrati

web metrics