La dichiarazione della libertà di Internet

Espressione, accesso, apertura, innovazione e privacy: cinque principi che dovrebbero guidare ogni decisione sul web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2012]

declaration of internet freedom
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

«Crediamo che un'Internet libera e aperta possa portare a un mondo migliore»: comincia così il preambolo alla Declaration of Internet Freedom, la Dichiarazione della Libertà di Internet.

Già firmata da individui e organizzazioni (dalla Electronic Frontier Foundation a Free Press, da Mozilla a Reporters Without Borders), ma pronta a essere sottoscritta da chiunque ne sostenga gli ideali, è una dichiarazione di intenti contro i ripetuti tentativi che da più parti emergono di bloccare la libertà di espressione in Rete, ma non solo.

I principi base sono infatti cinque: espressione, accesso, apertura, innovazione e privacy.

Coloro che li sostengono sono quanti si sono impegnati a combattere proposte di legge nefaste come l'americana SOPA, e ciò che li spinge è la preoccupazione che altri tentativi di censura sorgano nel prossimo futuro.

Così hanno deciso di far debuttare pubblicamente una dichiarazione che sia semplice e chiara, e stabilisca come «Internet è nostra: appartiene al pubblico, e agli individui», non a qualche azienda o governo. L'intento, ora, è di ottenere in risposta le opinioni di quanti usano la Rete quotidianamente.

Sondaggio
In Germania e in altre nazioni europee il Partito Pirata guadagna consensi, mentre in Italia resta al palo ma spopolano Beppe Grillo e il suo Movimento Cinque Stelle. Sono due movimenti antagonisti e incompatibili?
Sì. In Italia il PP non sfonderà perché i suoi votanti sono già attratti dal M5S. - 52.4%
No. Presto vedremo crescere anche il PP, che meglio può rappresentare gli interessi degli internauti. - 31.4%
Non saprei. - 16.2%
  Voti totali: 1626
 
Leggi i commenti (11)

Per ampliare la partecipazione, sono state aperte diverse iniziative tramite le quali discutere circa la Dichiarazione, come il subreddit relativo su Reddit, cosicché i frequentatori di Internet possano far sentire la propria voce a quanti vogliono dettare legge sulla Rete, in particolar modo al Congresso degli Stati Uniti.

«La Dichiarazione è semplice» scrive la EFF. «Offre cinque principi base che dovrebbero guidare ogni politica su Internet. Crediamo che valga la pena combattere per questi principi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Chiara, concisa, essenziale ma anche efficace ed esaustiva. Una Dichiarazione Universale in piena regola. Ovviamente l'ho sottoscritta anch'io.
6-7-2012 09:29

L'ho sottoscritta. :wink:
5-7-2012 19:54

Sottoscrivo in pieno!
5-7-2012 19:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (1485 voti)
Agosto 2017
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Tutti gli Arretrati


web metrics