Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (317 voti)
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Tutti gli Arretrati

Hyperloop, il supertreno che viaggia alla velocità del suono

Viaggiare a oltre 1.000 km/h all'interno di capsule sparate in un tubo a bassa pressione: è questo il sistema di trasporto del futuro secondo Elon Musk.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-08-2013]

musk hyperloop sketches
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

È Elon Musk, l'imprenditore sudafricano che ha contribuito alla nascita di progetti come PayPal, Tesla e SpaceX, a presentare il mezzo di trasporto destinato a pensionare i treni ad alta velocità.

Tale soluzione si chiama Hyperloop e rappresenta l'incarnazione del XXI secolo dei mezzi di trasporto pneumatici, in grado di arrivare sino a 1.220 km/h utilizzando l'energia solare.

«Hyperloop» - spiega Musk - «è, secondo me, la soluzione giusta per collegare due città intensamente trafficate e che si trovano a meno di 1.500 km di distanza»: per esempio Los Angeles e San Francisco, che si trovano a circa 600 km di distanza e che grazie ad Hyperloop potrebbero essere separate da un viaggio di appena 30 minuti.

Il sistema è costituito da cabine larghe un paio di metri, ciascuna in grado di trasportare sino a 28 passeggeri, "sparate" all'interno di un tubo a bassa pressione che corre tra le due destinazioni.

Le capsule "galleggiano" su un cuscino d'aria (le ruote visibili nei progetti iniziali servono per gli spostamenti a bassa velocità, all'arrivo in stazione) generato dal compressore di cui ognuna è dotata, che aspira l'aria dalla parte anteriore e la espelle dal retro; grazie alla bassa pressione, inoltre, l'attrito è ridotto al minimo.

Per muoversi, ciascuna riceve la spinta iniziale e viene frenata da dei motori elettrici a induzione (posti ogni 70 miglia lungo il percorso per aiutare a mantenere la velocità quasi supersonica), e il tutto è alimentato da dei pannelli solari posti sul tubo: «C'è molto più spazio sulla superficie superiore del tubo di quella necessaria» ad avere un numero di pannelli solari sufficienti per alimentare il sistema, come spiega Musk.

Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2220 voti)
Leggi i commenti (30)

L'idea è di riuscire a lanciare una capsula ogni 2 minuti (ogni 30 secondi negli orari di punta), mantenendo sempre una distanza minima tra una cabina e l'altra di 37 km.

Secondo il visionario imprenditore, viaggiare su Hyperloop sarà un po' come andare in aereo: «Ci sarà un'accelerazione iniziale, e una volta raggiunta la velocità di crociera non si noterà per niente il movimento».

Tuttavia, i passeggeri dovranno tenere conto di alcune differenze importanti rispetto a quanto avviene su un aereo: per tutto il viaggio dovranno restare seduti al proprio posto e assicurati tramite le cinture di sicurezza: non ci sarà alcuna possibilità di andare alla toilette, quindi, né ci saranno finestre per distrarsi, ma l'intrattenimento sarà affidato a degli schermi.

Attualmente, Hyperloop è solo un progetto in fase alpha e open source: sono accettate critiche e suggerimenti per migliorarlo.

Il costo ipotizzato per realizzare la tratta Los Angeles - San Francisco è di 6 miliardi di dollari, che Musk ammette di non poter sborsare di tasca propria: per questo è alla ricerca di investitori interessati al progetto, cui presto presenterà un modellino che avrà lo scopo di convincere gli scettici.

passenger capsule hyperloop
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se il costo sembra eccessivo, occorre considerare che l'idea è nata proprio perché i treni ad alta velocità attuali non soddisfano l'esigente Musk, il quale non a torto si è chiesto perché mai la California stia per spendere 70 miliardi di dollari per realizzare uno dei tracciati ad alta velocità più lenti del mondo (con una velocità massimo di 200 km/h, quando anche i nostri Frecciarossa sulle tratte adatte raggiungono i 300 km/h).

Da questo punto di vista, Hyperloop si presenta come una proposta economica, e tali saranno anche i biglietti che sulla tratta sognata da Musk potrebbero costare appena 20 dollari.

Migliore sarebbe anche la sicurezza: Hyperloop «non può cadere dal cielo, né può davvero deragliare come un treno».

Il tubo dentro al quale far viaggiare le capsule (costruite in alluminio e pertanto molto leggere) sarebbe montato su piloni progettati per resistere ai terremoti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
I brevetti di Tesla Motors diventano open source
Il Regno Unito sperimenta l'ibrido tram-treno
Ricarica wireless per le auto elettriche
Aria condizionata ad energia solare sui treni
La stazione di ricarica solare... portatile
La metropolitana di Londra compie 150 anni
Ferrovie dello Stato tra new economy e web 2.0
In Giappone il treno da 500 Km/h
Parlava al cellulare in treno, la polizia la fa scendere

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 31)

Ennio
Mi sorge un dubbio: ma se il tubo è pressochè vuoto (pressione minima) da dove prende tutta l'aria da espellere dal retro :) per raggiungere i fatidici 1200 km/h?
26-11-2013 11:01

eratostene
sulla questione dell'energia solare sui treni viene giusto questo altro articolo di Zeusnews: http://www.zeusnews.it/n.php?c=19705 come vedete per adesso i pannelli solari sui tetti non hanno la potenza necessaria neanche per far funzionare i condizionatori d'aria.... figuratevi far andare un treno....
10-9-2013 13:12

eratostene
mah, che i costi per una linea dipendano dalla velocità che si vuole raggiungere può essere in parte vero che i costi per un treno siano proprorzionali alla velocità è molto meno vero lo sono molto invece per la manutenzione e, da certe veloctà in su, diciamo proprio da oltre 300 km/h in su, anche per la domanda di energia, a causa... Leggi tutto
25-8-2013 15:33


mda
@eratostene Non sono stato sufficientemente chiaro dicevo per "assurdo" e qui parlavo solo di costi. Logico che un treno che va sui 10kmh non attirerebbe nessun passeggero, però avrebbe dei costi bassissimi. Lo dicevo per definire che più veloce vai più i costi sono esponenziali e non progressivi. Esempio tra esponenziale... Leggi tutto
23-8-2013 15:09

eratostene
due appunti molto frettolosi visto che sono in "emergenza linea" 1. la velocità conta eccome. altrimenti gli utenti prendono altri mezzi (automobile ed aereo) 2. continuo a ripetere per MDA in particolare: un treno che va ad energia solare attualmente è inconcepibile se la deve produrre lui: non esiste tecnologia attuale che... Leggi tutto
23-8-2013 10:05


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics