13 caratteristiche di chi è più intelligente della media

Dall'amare i gatti a fare uso di alcol e droghe ricreative, tutti gli strani tratti che secondo i ricercatori distinguono le persone più brillanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-01-2016]

01.intelligenti
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

La misura dell'intelligenza è una delle attività più complicate e criticate che esistano. Anche i test che "misurano" il quoziente d'intelligenza sono da tempo e da più parti criticati: ci sono psicologi che li rifiutano poiché affermano che avvantaggerebbero certi gruppi sociali a discapito di altri, o perché ritengono che l'apporto della creatività non venga tenuto in debita considerazione.

Tuttavia, appaiono sempre nuove ricerche in base alle quale di volta in volta gruppi di psicologi affermano di aver scoperto un modo nuovo, e più efficiente, per misurare le capacità cognitive.

Di seguito presentiamo quindi quelli che, in base a determinati studi, vengono considerati come segni indicatori di una maggiore intelligenza rispetto alla media, cercando di rispondere alla domanda: quali sono le persone più intelligenti?

1. Quelli che hanno preso lezioni di musica

Ci sono alcune ricerche secondo le quali prendere lezioni di musica da bambini aiuta a sviluppare l'intelligenza. Nel 2004, per esempio, Glenn Schellemberg dell'Università di Toronto rilevò che il quoziente intellettivo in bambini di sei anni che avevano preso per nove mesi lezioni di piano o di canto era più elevato rispetto a quello dei coetanei che non avevano seguito alcuna lezione, o avevano seguito lezioni di teatro.

Un altro studio, risalente al 2011, pare confermare le scoperte di Schellemberg: è stato provato che l'intelligenza verbale di alcuni bambini tra i 4 e i 6 anni è aumentata dopo appena un mese di lezioni di musica.

Sondaggio
La tecnologia attuale rende già possibile avere dei ''superpoteri'' che un tempo sembravano appannaggio solo dei personaggi di fantasia. Quale non vedi l'ora di avere?
La capacità di respingere i proiettili, come Superman.
La resistenza alla fatica e alle ferite, come Batman.
Il "senso di ragno" di Spider-Man.
L'armatura di Iron Man.
L'invisibilità, come la Donna Invisibile.
Il "senso radar" di Daredevil.
La telecinesi, come Jean Grey degli X-Men.
Il governo dell'elettricità, come Fulmine Nero.
La vista di Robocop.

Mostra i risultati (1456 voti)
Leggi i commenti (2)

Tuttavia nel 2013 Schellemberg ha condotto un altro studio che ha messo in dubbio la correlazione tra le lezioni di musica prese da bambini e lo sviluppo dell'intelligenza.

Secondo quest'ultima ricerca non è lo studio della musica a sviluppare l'intelligenza: invece, si tratta di caratteristiche presenti nella personalità dei bambini a permettere loro di raggiungere risultati migliori rispetto alla media. Non è la musica a sviluppare l'intelligenza, ma sono i bambini più dotati a preferirla e a usarla per tenere in esercizio le proprie qualità: «Si possono spiegare pressoché tutti i dati esistenti dicendo che sono i bambini più brillanti a prendere lezioni di musica» afferma il professor Schellemberg.

2. Quelli che sono stati allattati al seno

Che l'allattamento al seno sia preferibile è convinzione di molti. Secondo una ricerca del 2007, però, la sua efficacia benefica si rivela anche nello sviluppo dell'intelligenza del bambino.

Lo studio è stato condotto in Gran Bretagna e Nuova Zelanda su un gruppo di 3.000 bambini. I ricercatori hanno scoperto che coloro che erano stati allattati al seno, e che erano in possesso del gene FADS2, ottenevano un punteggio di sette punti superiore nei test per misurare il QI rispetto a quanti non erano stati allattati naturalmente, oppure lo erano stati ma non possedevano il gene FADS2.

Tuttavia gli studiosi hanno affermato che la correlazione tra questi tre elementi - allattamento, gene, alti punteggi nei test - non è chiara e che occorreranno ulteriori studi per capirla.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Quando l'uso di alcol e droghe è un segnale positivo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)


{Franco}
Secondo me è al contrario. Il corpo rispecchia la mente. Il corpo cresce se cresce la mente, se si vuole diventare adulti. Lo si nota chiaramente osservando le donne meno alte di 165 cm.(probabilmente anche gli uomini ma io lo noto meno) , sono chiaramente infantili e incapaci di fare qualunque cosa che non abbiano fatto da... Leggi tutto
8-5-2016 07:58

{lol}
Ste ricerche le fanno insieme a topogigio.
5-5-2016 18:11

{Ivan}
L'intelligenza, come qualsiasi cosa, va anche "allenata"... spesso un genio è semplicemente - si fa per dire, per carità - uno che si è fissato su di una determinata cosa, che lo ha fatto per un buon periodo di tempo e che ha messo in pratica chiò che faceva, magari perfezionando qualcosa qua e... Leggi tutto
5-5-2016 14:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1648 voti)
Maggio 2016
Come far durare più a lungo la batteria di un dispositivo Android
Ragioni per usare la modalità aereo quando non sei in aereo
Il ''Service Pack 2'' di Windows 7
TeslaCrypt, arriva la chiave di sblocco universale
Red Ronnie e la Sindrome delle Due Campane
CryptXXX torna a colpire e non c'è antidoto che tenga
Metroweb, Enel e Telecom: come ricomprare ciò che era tuo
CEO di BioViva si inietta virus e si allunga vita di 20 anni
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Harry Potter accusa Wikipedia di pirateria
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Tutti gli Arretrati


web metrics