UE, addio ai blocchi regionali per Netflix e soci

Chi acquista un abbonamento deve poter accedere ai propri contenuti in tutti i Paesi dell'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2017]

ue parlamento geoblocking

Il Parlamento Europeo ha votato: i blocchi regionali (geoblocking), come quelli imposti da servizi come Netflix o Spotify, saranno aboliti.

Chiunque abbia sottoscritto un contratto con fornitori di contenuti come quelli citati e ami viaggiare da uno Stato all'altro avrà ben presente dell'argomento che stiamo trattando: ciò che Netflix e simili mettono a disposizione in un dato Paese non sempre è disponibile in quello confinante, e viceversa.

Per esempio, se mi trovo in Italia e inizio a guardare un film su Netflix, ma poi mi trasferisco nei Paesi Bassi e vogliono continuare la visione, mi può capitare di non riuscirci: riesco ad accedere al servizio, ma la libreria di film è differente da quella da cui potrei attingere a casa.

Il Parlamento Europeo non ha mai visto di buon occhio tale stato di cose, anche se alla Commissione tutto sommato non dispiaceva.

Con il voto del 18 maggio, l'assemblea di Bruxelles ha deciso di introdurre la portabilità transfrontaliera dei servizi digitali: in altre parole, i cittadini dell'UE dovranno poter accedere a tutti i contenuti dei servizi che hanno sottoscritto indipendentemente dal Paese dell'Unione in cui si trovano.

Ci sono tuttavia delle limitazioni. Tale libertà è infatti concessa per periodi di tempo limitati: in tal modo, chi si reca in un altro Paese europeo per trascorrervi un periodo di vacanza non avrà problemi a continuare a usufruire dei contenuti disponibili nel suo Paese d'origine, ma chi si trasferisce per lunghi periodi di tempo non potrà.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3087 voti)
Leggi i commenti (19)

La motivazione alla base di questa restrizione è da ricercare nel fatto che i distributori di contenuti stringono accordi differenti per ogni Paese, in base alle varie norme sul diritto d'autore e dovendo rispettare le volontà dei titolari dei diritti.

Prossimamente, quindi, servizi come Netflix dovranno prendere in considerazione tra i dati dell'utente anche il Paese da cui avviene l'iscrizione anziché basarsi sull'indirizzo IP per riconoscere lo Stato da cui avviene l'accesso al servizio.

Quanto ai tempi, la nuova regolamentazione europea entrerà in vigore nei primi sei mesi del 2018, e dovrà essere applicata anche agli abbonamenti già sottoscritti.

Per il vicepresidente per il Mercato Digitale, Andrus Ansip, il voto del Parlamento è «un passo importante nell'abbattimento delle barriere che ostacolano la creazione di un Singolo Mercato Digitale».

Il prossimo passo, secondo Ansip, è la revisione delle regole europee sul copyright.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Europa rinuncia a combattere il geoblocking nei video
L'Europa vuole abolire i blocchi regionali del copyright

Commenti all'articolo (2)

...siamo in campagna elettorale? :D
22-5-2017 09:19

{filippo}
L'unione europea, il super-stato non voluto dalla gente, che vuol marciare a due (o più) velocità, che aiuta le banche con i soldi dei contribuenti, che non riesce a prendere decisioni importanti, che sbaglia politica economica, e i cui dirigenti sono lontanissimi dal popolo e non sono stati eletti da esso, si sta... Leggi tutto
20-5-2017 10:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1000 voti)
Maggio 2017
Il malware che si nasconde nei sottotitoli
Usare il Wi-Fi per vedere attraverso i muri
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
Blue Whale, mito di morte pericolosamente gonfiato
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Il viaggio nel tempo è matematicamente possibile
Tutti gli Arretrati


web metrics