Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2316 voti)
Settembre 2015
Da LinkedIn 9 consigli per chi inizia un nuovo lavoro
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Tutti gli Arretrati

Un registro a prova di crash

Erunt è un software utilissimo per effettuare copie di backup del registry.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-11-2003]

Nei sistemi operativi Microsoft il registro di sistema è una componente fondamentale. Nel registro sono memorizzati, ad esempio, tutti i settaggi delle applicazioni da noi installate.

Tutte le volte che proviamo un software sul nostro sistema il registro viene modificato per consentire una corretta esecuzione del programma. Capita però molto spesso di installare applicazioni che vanno a modificare in maniera dannosa il registro causando malfunzionamenti e, nella peggiore delle ipotesi, un mancato avvio del sistema.

Con Windows 98, Microsoft ha sviluppato un'utility denominata Scanreg che si premura di creare una copia di backup dei file che costituiscono il cuore del registro di sistema.

Ad ogni avvio di Windows 98 viene salvata automaticamente una copia di backup dei file system.dat, system.ini, user.dat, win.ini. Tutti questi file vengono compattati in un file compresso .cab e archiviati nella cartella C:\Windows\Sysbckup, pronti ad essere ripristinati in caso di danneggiamento del system registry.

Partendo in Dos puro e digitando al prompt scanreg /restore, avremo buone possibilità di ripristinare il nostro Win98 utilizzando i backup creati in Sysbckup.

Le cose si complicano con sistemi basati su kernel NT, cioè Windows NT, Windows 2000 e Windows XP. In questi SO non esiste un'utility che crei un backup dei file che costituiscono il registro di sistema. Questi file vengono chiamati hives e sono DEFAULT, SAM, SECURITY, SOFTWARE, SYSTEM, risiedono nella cartella SYSTEM32\CONFIG e non possono essere copiati o spostati, né esiste un'utility di sistema che esegua un backup periodico.

In tutti i casi in cui vogliamo eseguire un backup del registro di sistemi basati su NT può venirci in aiuto un piccolo programma freeware realizzato da Lars Hederer: Erunt (acronimo di Emergency Recovery Utility NT).

Contenuto in un file zip di 574k, Erunt può essere scompattato in una directory a nostra scelta ed eseguito. Basterà cliccare sull'eseguibile Erunt.exe, specificare una directory dove salvare il backup del registro e attendere la copia dei file.

Dopo qualche secondo il programma terminerà la procedura e potremo portarci nella cartella di backup da noi scelta. All'interno troveremo un file chiamato Erdnt.exe che si incaricherà una volta eseguito di ripristinare l'intero registro di sistema.

Il programma è molto utile tutte le volte in cui si installa software sconosciuto che potrebbe danneggiare il registro. Grazie ad Erunt avremo sempre a disposizione un backup funzionante che renderà il nostro sistema a prova di crash.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Matteo Campofiorito
per Lampo Leggi tutto
19-11-2003 15:22

Lampo
Domanda su Erunt a Matteo Campofiorito Leggi tutto
19-11-2003 15:04

mb
punto di ripristino Leggi tutto
19-11-2003 11:07

Pincopallino
Non basta esportare? Leggi tutto
19-11-2003 07:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics