Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (808 voti)
Ottobre 2014
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Tutti gli Arretrati

L'e-book flessibile sarà presto realtà

Plastic Logic ha presentato un lettore di e-book fatto di plastica leggera e flessibile e dotato di un display di dimensioni analoghe a quelle di un foglio A4.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2008]

L'e-book flessibile sarà presto realtà

Non c'è ancora il dispositivo che si può arrotolare come se fosse un giornale vero, ma la strada sembra quella giusta. Plastic Logic ha presentato, e mostrerà in pubblico al Ces di Las Vegas del prossimo gennaio, un lettore di e-book realizzato in "plastica leggera e flessibile".

Il dispositivo, il cui nome non è stato ancora rivelato, si basa sulla stessa tecnologia (creata da E Ink)di prodotti come il Kindle di Amazon ma, rispetto a quest'ultimo, dispone di un display grande il doppio ed è decisamente meno brutto.

L'obiettivo è realizzare l'e-giornale: un apparecchio che, connesso costantemente alla Rete via wireless, mostri in tempo reale le notizie più recenti garantendo al lettore una comodità di lettura almeno pari a quella di un giornale tradizionale.

Inoltre, nella memoria interna del dispositivo di Plastic Logic sarà possibile archiviare centinaia di pagine di giornali, libri e documenti.

L'aspetto più importante, tuttavia, resta la possibilità per l'utente di usare il lettore in maniera naturale, grazie alla plastica (in luogo del vetro) di cui è costituito il dispositivo e al display che riproduce quanto più da vicino possibile l'aspetto di un testo stampato su carta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics