Agcom, indagine sul peer to peer

L'indagine conoscitiva condotta dall'autorità mostra l'inutilità delle misure repressive e la necessità di un impianto normativo. E rimette al suo posto la Siae.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2010]

Agcom Siae indagine conoscitiva p2p pirateria

L'ultimo, ponderoso (sono 65 pagine) rapporto pubblicato da Agcom - dal titolo "Il diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica" - dipinge il quadro attuale sulla situazione relativa alla diffusione in rete delle opere coperte da copyright, svelando alcuni dati che forse non tutti conoscono.

Per esempio, secondo uno studio sul traffico Internet globale presentato negli Stati Uniti lo scorso ottobre, negli ultimi due anni il traffico peer to peer ha segnato un calo, passando dal 40% al 19% del traffico occupato, mentre è aumentato il video trasmesso in streaming.

La distribuzione legale di contenuti - si legge nel rapporto - sta rapidamente virando verso la Rete, dove sta facendo segnare un aumento dei ricavi: nel 2007 la crescita, per quanto riguarda la cinematografia, è stata del 100%.

Agcom ricorda che il peer to peer non rappresenta automaticamente un danno per l'economia tradizionale; diversi studi mostrano invece che il file sharing può portare addirittura a un incremento delle vendite, specialmente quando si tratta di Cd musicali.

Piuttosto, il calo delle vendite viene attribuito nel rapporto alla "congiuntura economica sfavorevole, alla crescita di altre forme concorrenziali (videogame e Dvd), a possibili boicottaggi delle case discografiche".

L'autorità procede poi nell'analizzare i mezzi messi in campo nelle varie nazioni per tentare di fermare il fenomeno della condivisione online, scoprendo in sostanza che o si tratta di sistemi facilmente aggirabili (come il blocco di determinate porte) o in contrasto con i principi di tutela della privacy e della net neutrality, ribaditi anche a livello europeo (come il filtraggio dei contenuti).

Addirittura Agcom arriva a ipotizzare che la deep packet inspection, se applicata su vasta scala, "contrasterebbe con i principi stessi di libertà democratica".

In ogni caso, l'analisi dei mezzi attuati in Francia, Regno Unito e Stati Uniti ha portato a concludere che l'efficacia degli sforzi in questo campo è pressoché nulla: la repressione non ha portato ad arginare il fenomeno, che invece si è acquietato da sé nel momento in cui sono sorti sistemi legali di distribuzione dei contenuti online (come iTunes).

Per quanto riguarda le leggi che regolano la repressione della pirateria - argomento estremamente attuale, con il Decreto Romani in discussione - Agcom ritiene necessario un dibattito "con tutti gli attori della filiera per ripensare in modo unitario a un impianto normativo più attuale che riformi la legge 633 del 1941".

Agcom boccia le ipotesi finora avanzate da più parti (come la tassa denominata "equo compenso") in quanto "in contrasto con il diritto esclusivo di messa a disposizione del pubblico dell'opera che compete al solo autore".

Una proposta più sensata sarebbe quella delle "licenze collettive estese", un sistema su base volontaria in base al quale gli enti di gestione collaborano con chi detiene i diritti per l'attribuzione delle licenze agli operatori che poi distribuiscono i contenuti.

Interessante, infine, è la nota con cui l'Agcom riporta gli accordi in essere con la Siae, in base ai quali " Autorità e SIAE risultano porsi su di un piano, apparentemente paritetico, che in realtà non trova riscontro".

Compito principale della Siae è infatti l'"intermediazione nell'utilizzazione economica delle opere protette da copyright", mentre la "protezione delle stesse da eventuali violazioni" è "un aspetto solo marginale della sua azione". Il che è come dire alla Siae di non impicciarsi di affari che non le competono.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Ha fatto qualcosa di simile l'Associazione Altroconsumo, una delle poche, per ora, non politicizzata o sponsorizzata. Edit: riscrivo il link (sparito?) alla petizione: eccolo qui. A parte questo, troveranno sempre il modo per mettercela nel bocciolo (vedi l'ultimo decreto Bondi), per cui quel che dice l'Agcom è acqua fresca (e forse è... Leggi tutto
20-2-2010 19:09

Una cosa giusta è stata detta e cioè che ognuno si deve astenere da affari che non competono, sembra che ultimamente le case discografiche facciano fai da te per combattere la pirateria con risultati pessimi visto che siamo ancora qui a discuterne. :roll:
18-2-2010 23:10

*** Commento non conforme alle regole del forum *** *Per la verità non ho scritto niente, cioè ho scritto direttamente "Commento non conforme alle regole del forum". Mi sono cioè limitato a non esprimermi in parolacce all'indirizzo dei fautori e promotori di questa idiozia! :twisted: Tutta questa faccenda ha preso una piega... Leggi tutto
18-2-2010 10:05

Sandrocchio, come lo chiami tu, il di-vin poeta, si limita a trascrivere le pensate altrui... di sua sponte, solo il poetar per silvio.... :roll:
18-2-2010 09:37

Ma Sandrocchio sa leggere o soltanto gargarizzare? Leggi tutto
17-2-2010 15:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te qual è l'estensione più utilizzata in Italia, tra le ultime nate?
.app
.art
.casa
.cloud
.design
.holiday
.hotel
.online
.shop
.srl
.store
.web

Mostra i risultati (1343 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics