Apple iTV inaugura la televisione interattiva

Il set-top box offre un App Store dedicato e la possibilità di condividere video. L'iPad come telecomando.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-08-2010]

Apple iTV App Store iPad telecomando

Anche se dagli uffici di Cupertino non è arrivata ancora alcuna notizia ufficiale, la fonte dell'indiscrezione è Kevin Rose, cofondatore di Digg e generalmente in grado di fornire anticipazioni affidabili.

L'oggetto in questione si chiama Apple iTV, un apparecchio che promette di cambiare il modo in cui fruiamo della televisione nella stessa maniera in cui l'iPod ha cambiato l'ascolto della musica.

iTV dovrebbe consistere in un set-top box che includerà le funzioni di decoder per la televisione via cavo e via satellite ma che certamente non si limiterà a questo: dotato di sistema operativo iOS (lo stesso installato di iPhone e iPad) disporrà di un proprio App Store dal quale sarà possibile acquistare applicazioni per condividere e registrare i programmi, videogiochi e software interattivi.

Grazie a un accordo con le reti televisive americane, iTV sfrutterà iAd, la piattaforma pubblicitaria recentemente lanciata da Apple su iPhone, permettendo ai network di distribuire direttamente i propri contenuti tramite la connessione a Internet, mirando a rimpiazzare nel lungo periodo sia la tecnologia via cavo che quella via satellite.

iTV supporterà MobileMe e la condivisione di video e immagini, accessibili anche dall'iPhone o dall'iPad, creando una sorta di social network che avvisa amici e parenti tramite la televisione di quando nuovi video o foto sono disponibili.

Infine, l'ultima novità di iTV riguarda la possibilità di utilizzare l'iPad come telecomando; anzi, secondo Rose proprio l'iPad sarà indicato come il dispositivo principe per il controllo delle molteplici funzioni offerte.

Apple iTV dovrebbe debuttare a settembre negli Stati Uniti, al costo di 99 dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'iTV di Apple si controlla con l'anello al dito

Commenti all'articolo (3)

Si, sicuramente promette almeno su carta funzioni interessanti, mi stupivo ma nemmeno tanto del solito auto-esaltamento apple. Da noi in italia forse non verrà mai :roll: Leggi tutto
25-8-2010 17:41

Di sicuro non si tratta di una rivoluzione copernicana (specie per il mercato USA, che notoriamente è un paio di ere geologiche avanti rispetto al IV Mondo in cui langue relegato il Belpaese), però va detto che non stiamo parlando esattamente della stessa cosa nè di TiVo, nè tantomeno di Sky. In entrambe le piattaforme mancano tutte... Leggi tutto
25-8-2010 10:18

Novità? nessuna mi sembra Leggi tutto
25-8-2010 05:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1800 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics